Vai al contenuto

Vertical Farming e dintorni con Planet Farms



NEW! TUTTO MONTEMAGNO, IL NUOVO LIBRO DI MONTY
QUI: https://www.amazon.it/gp/product/8891832715
Hai visto Competenze.it? http://bit.ly/competenze-2-yt

►Vuoi sviluppare una nuova competenza? Non sai come orientarti o da dove partire?
Video guide/report mensili che studi in 1 ora.
Selezioniamo i migliori nel loro campo per aiutarti a esplorare nuove competenze.
https://www.competenze.online

►Iscriviti per più video
http://bit.ly/1TtDf4j

Vuoi ricevere la mia OGNITANTOLETTER ?
http://marcomontemagno.it/

►Conosci 4books? Abstract di libri di business ogni settimana
http://4books.it

► Facebook https://bit.ly/facebook-monty

►Instagram
https://bit.ly/instagram-monty

► TikTok https://bit.ly/tiktok-monty

► Linkedin
https://bit.ly/linkedin-monty

► Spotify
https://bit.ly/spotify-monty

source

9 commenti su “Vertical Farming e dintorni con Planet Farms”

  1. Le cosiddette erbe infestanti sono essenze molto più cazzute delle cultivar selezionate, proprio perché selezionate in un ottica di maggiore produttività sono più suscettibili alle intemperie. Ecco perché le infestanti sono difficili da eliminare a discapito di quelle piantate. Si chiama omeostasi e sta alla base dell'ecologia

  2. La migliore domanda è stata quella di Jonathan, un po carente di lessico. Però di lieviti e batteri sono fondamentali per molte colture. Per esempio nella caseificazione del parmigiano Reggiano è spontanea solo grazie a un batterio lattico presente solo in una ristretta area della pianura padana.

  3. La gente mangia cibo di merda, coltivato nelle discariche concimate con le peggio sostanze tossiche, innaffiate con l'acqua addizionata con le bombe atomiche, e fa le pulci a quest'uomo che cerca di produrre un cibo il più possibile esente da sostanze dannose. L'essere umano è progettato per lamentarsi e produrre merda da gettare in faccia a chi tratta di risolvere, meglio che può, un problema inerente la produzione di cibo. Meritate di mangiare tutti i giorni da mcdld fino a che non vi eaplodano le arterie…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

it_ITItaliano