Vai al contenuto

Quello che il foie gras della Hudson Valley non vuole che tu sappia

Quello che il foie gras della Hudson Valley non vuole


“Gli uccelli non stavano vocalizzando, ma non era silenzioso. Quello che ricordo più chiaramente non era il silenzio, ma il pesante ansimare degli animali mentre lottavano per respirare”, ricorda Sarajane Blum del suo tempo all’interno dell’Hudson Valley foie gras (HVFG) in New York.

Centinaia di migliaia di anatre e oche sono costrette a chiudersi a distanza ravvicinata fegato grasso fattorie; fegato grasso Significa “fegato grasso” in francese. Molte volte al giorno, le anatre vengono strappate violentemente dai loro pensieri per sopportare enormi quantità di alimentazione forzata. Ogni uccello viene alimentato forzatamente fino a tre volte al giorno con un tubo di metallo da 10 a 12 pollici inserito nell’esofago, pompando l’uccello con grano, grasso e aria compressa.

Il processo di alimentazione avviene in modo affrettato per massimizzare la produttività commerciale. L’unico intento di questa macabra pratica è di indurre la lipidosi epatica, uno stato malato di ingrossamento del fegato. I fegati di questi uccelli alimentati forzatamente possono crescere fino a dieci volte la loro dimensione naturale prima di essere considerati ottimi per il foie gras. Il passo finale è la macellazione degli uccelli malati di 3 mesi – che morirebbero comunque presto a causa della lipidosi epatica indotta – solo perché i loro fegati grassi vengano serviti come prelibatezza.

Il comitato scientifico europeo per la salute e il benessere degli animali afferma:

“[T]qui ci sono buone prove che la struttura e la funzione del fegato… è gravemente alterata e compromessa nelle anatre e nelle oche alimentate forzatamente. [The Committee] sulla salute degli animali e il benessere degli animali conclude che l’alimentazione forzata, come attualmente praticata, è dannosa per il benessere degli uccelli”.

A Ferndale, New York, migliaia di anatre sopportano queste condizioni abusive giorno dopo giorno. Dal 1990, HVFG, una delle tre aziende responsabili della produzione di foie gras negli Stati Uniti, ha allevato, abbondantemente sovralimentato e macellato prematuramente oltre 10 milioni di anatre per i loro fegati malati. Migliaia di anatroccoli di un giorno vengono trasportati su camion ogni settimana e tenuti nella stalla del vivaio fino a quando non sono abbastanza grandi per entrare nelle stalle.

Indagini su larga scala sono state condotte presso HVFG da organizzazioni come PETA, Compassion Over Killing, Mercy For Animals (MFA) e molte altre. Cosa avevano in comune tutti i risultati di ciascuna indagine? Gli standard di benessere degli animali non erano in linea con le affermazioni fatte da HVFG. HA Indagine 2014 di MFA ha portato al rilascio di filmati sotto copertura della telecamera che è stato davvero inquietante. I lavoratori hanno spinto in modo aggressivo tubi di alimentazione di metallo nella gola degli uccelli, gli uccelli morti sono stati semplicemente gettati nei bidoni della spazzatura e gli uccelli malati e completamente coscienti incatenati per i piedi sono stati massacrati con la gola tagliata.

Amber Canavan, un’investigatrice sotto copertura, ha riferito che gli uccelli nei fienili sono stipati in recinti dal fondo metallico sollevati sopra la loro stessa urina ed escrementi. Appena sopra i recinti, incombenti nella loro linea di vista come un promemoria permanente, ci sono i tubi di metallo che i lavoratori usano per alimentarli forzatamente. Gli uccelli che muoiono durante il ciclo di alimentazione possono rimanere senza vita nei recinti con uccelli vivi fino a un giorno. Una volta rimossi i corpi, vengono gettati nei bidoni della spazzatura che giacciono in bella vista degli uccelli ancora vivi, ma incredibilmente malati.

“In tutti e tre i fienili, i bidoni della spazzatura dei cadaveri sono stati usati così distrattamente”, ha detto Blum. “Vedresti il ​​collo di un animale appeso all’esterno, con il corpo all’interno… la gente dimenticherebbe di mettere le palpebre.”

Prima del 1997, HVFG consentiva al pubblico di entrare nelle sue strutture per visitare il suo sistema di produzione di foie gras. Non sorprende che i partecipanti al tour siano rimasti molto scontenti di ciò che hanno visto. L’azienda si rese presto conto che non poteva davvero mettere in mostra la sua produzione, poiché gli atti di alimentazione frettolosi e energici, insieme alla vista di uccelli visibilmente malati, erano troppo incriminanti per HVFG.

La dottoressa Holly Cheever, dottore in Medicina Veterinaria, ha dichiarato “cosa [HVFG] appreso nel 1997 è che loro non può mostrano gli uccelli negli ultimi 10-14 giorni di produzione: sono troppo chiaramente malati… hanno anche imparato che non possono mostrare come l’alimentazione viene eseguita regolarmente perché è troppo frettolosa, rumorosa, puzzolente e quindi sembra violenta. “

A partire dal 2004, dopo che la dottoressa Cheever e la direttrice della comunicazione di Whole Foods Margaret Wittenberg hanno visitato e recensito le strutture di HVFG, l’azienda ha iniziato un tour diverso nel tentativo di generare pubblicità più positiva. In questi tour, i partecipanti assistono solo da uno a due lavoratori che danno da mangiare a un piccolo gruppo di uccelli. L’azienda voleva mostrare al pubblico quanto fossero umane e personali le sue pratiche di alimentazione. Mentre HVFG continua a sostenere che questi tour parziali riflettono le sue vere pratiche, questa falsità è stata screditata da numerose indagini condotte da gruppi di protezione degli animali. I tour “in scena” possono sembrare sereni, ma rappresentano falsamente le vere velocità di produzione, come ha dimostrato il dottor Cheever.

In un’audizione del consiglio comunale nel giugno 2019, Marcus Henley, Direttore delle operazioni di HVFG, ha dichiarato che l’azienda tratta 6.000 volatili a settimana per la vendita e che ogni lavoratore gestisce 350 uccelli al giorno in tre diversi orari di alimentazione, per un totale di 1.050 poppate o interazioni al giorno. Tuttavia, sono necessari almeno 17 lavoratori per raggiungere il numero di produzione di 6.000 uccelli a settimana dichiarato da Henley. Questo differisce in modo significativo dai due lavoratori “in mostra” nei tour attuali.

L’enorme quantità di poppate che un lavoratore deve completare ogni giorno consente al lavoratore solo pochi secondi di nutrire ogni uccello. Questo ritmo veloce richiede spesso che i lavoratori agiscano in modo più aggressivo quando gli uccelli iniziano a reagire, causando frequenti lacerazioni all’esofago, piaghe sanguinanti e altre lesioni. Pertanto, i lavoratori devono prestare molta attenzione quando si tratta di sovralimentare gli uccelli di cui sono responsabili. Quello che è considerato il fegato di dimensioni adeguate per il foie gras può facilmente causare la morte di un uccello che è troppo nutrito e soffre di organi rotti. Ai lavoratori viene solitamente offerto un bonus monetario come incentivo per uccidere meno di cinquanta uccelli al mese.

Cercando di porre fine a questa crudeltà a New York City, Elettori per i diritti degli animaliinsieme a una coalizione composta da oltre 50 altre organizzazioni senza scopo di lucro, stanno sostenendo Introduzione 1378.

New York City, una metropoli orgogliosa del suo progressismo, sta seguendo l’esempio di Stato della California, Regno Unito, Danimarca, Finlandia, Germania e decine di altre giurisdizioni, perseguendo un divieto legale per vietare la vendita di foie gras da uccelli alimentati forzatamente. Il 24 gennaio 2019, New York City Il membro del consiglio Carlina Rivera ha introdotto l’Intro 1378, che “vieterebbe la vendita o l’offerta in vendita di foie gras ottenuto da uccelli alimentati forzatamente e negli stabilimenti di ristorazione vieterebbe ulteriormente la fornitura di tale foie gras in qualsiasi modo”.

Questa proposta di legge ha ricevuto il sostegno di oltre 100 ristoranti con sede a New York, oltre 50 professionisti veterinari con sede a New York e il disegno di legge è co-sponsorizzato da 29 membri del consiglio comunale. Inoltre, ha sondaggio condotto dal gruppo di sondaggi e strategie Mason-Dixon mostra che uno schiacciante 81% degli elettori registrati di New York City sostiene la legislazione per vietare la vendita di foie gras da uccelli alimentati forzatamente.

Venduto nell’1,5% dei ristoranti di New York, il foie gras è relativamente raro. La domanda è: la crudeltà intrinseca di questo settore supererà il desiderio della città di un piatto gourmet? I membri del Consiglio della città di New York voteranno sul suo divieto entro i limiti della città questo autunno.

Mettersi in gioco qui.





Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

it_ITItaliano