Vai al contenuto

Nel Tamigi è stato scoperto un osso umano di 5000 anni fa

Nel Tamigi è stato scoperto un osso umano di 5000


— Mistervlad/Shutterstock.com

Una scoperta sorprendente è stata fatta nella città di Londra. È un osso di 5.000 anni. Gli esperti affermano che questo osso risale al periodo neolitico britannico. Uno studio più attento di questo osso rivela che data tra il 3516 e il 3365 aC. L’osso è stato scoperto durante l’esplorazione delle rive del Tamigi durante la bassa marea. L’osso rinvenuto è un femore e la sua buona conservazione ha permesso agli archeologi di datarne l’origine. Sfortunatamente, è difficile stabilire se appartenga a una donna oa un uomo.

Osso umano scoperto nel Tamigi

Simon Hunt è colui che ha scoperto questo osso, riferisce il BBC. Afferma di averlo visto sul letto roccioso del fiume durante la bassa marea. Simon era preoccupato che l’osso si fosse depositato molto di recente, quindi decise di toglierlo dall’acqua e metterlo in un sacchetto di plastica. Una volta a casa, ha chiamato la polizia in modo che potessero avviare un’indagine sul luogo in cui Simon aveva trovato l’osso. Durante questo periodo, l’osso è stato inviato al laboratorio per varie analisi.

Le analisi hanno rivelato che si trattava di un osso risalente all’epoca neolitico in Gran Bretagna. Fu durante questo periodo che si formò la cultura britannica poiché, secondo la storia, si sviluppò l’agricoltura, la scoperta della ceramica, la creazione di strumenti e persino la pratica delle tradizioni funerarie. Il Neolitico fu l’apertura alla civiltà.

L’osso testimonia questa epoca poco conosciuta

Secondo gli archeologi, il proprietario dell’osso visse prima della costruzione del Piramidi di Giza. Stimano anche che la persona fosse alta tra 1,5 e 2 metri. Nonostante sia stato preservato, non è stato determinato né il sesso né l’età esatta della persona. L’osso non è il primo oggetto scoperto nel Tamigi, poiché i ricercatori hanno già portato alla luce molti manufatti storici su queste coste. Affermano che il fango costituisce un ambiente di conservazione eccellente perché il fango ha un livello di ossigeno molto basso.

A breve l’osso sarà esposto al London Museum, accanto a un frammento di teschio che risale anche al periodo neolitico, tra il 3654 e il 3600, e che fu ritrovato anche sulle rive del Tamigi. Ma, per ora, Simon Hunt tiene a casa l’osso perfettamente conservato.





Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

it_ITItaliano