Vai al contenuto

Ministro dell’agricoltura István Nagy: il grano deve essere rilasciato dall’Ucraina via terra

Ministro dell'agricoltura István Nagy: il grano deve essere rilasciato dall'Ucraina via terra


Una crisi alimentare incombe in molte delle regioni più povere del mondo e il disastro può essere evitato solo se l’apertura del corridoio terrestre riuscirà a liberare il grano dall’Ucraina, ha affermato István Nagy, ministro dell’Agricoltura, in un’intervista a il magiaro Nemzet.

Cambiamenti al ministero

Mentre il capo del ministero dell’Agricoltura inizia un altro mandato, ha parlato, tra l’altro, di cambiamenti nel ministero.

Ha detto: “L’ambiente è stato trasferito al ministero dell’Industria affinché le decisioni possano essere prese insieme a una politica industriale che tenga conto anche dell’ambiente. Tuttavia, la conservazione della natura rimane con noi, quindi il ministero può essere chiamato anche ministero delle risorse naturali”. Nagy ha aggiunto che saranno anche responsabili dell’industria alimentare e della gestione della politica commerciale.

Articolo correlato

Doveri e poteri dei membri del governo Pubblicato nella Gazzetta ungherese

Doveri e poteri dei membri del governo Pubblicato nella Gazzetta ungherese

La Gazzetta ungherese (Magyar Közlöny) ha pubblicato un decreto sui doveri e poteri dei membri del governo, secondo il quale Viktor Orbán rappresenta il governo, ma in singoli casi può anche nominare altre persone per rappresentare il governo.Continua a leggere

Mentre la pandemia di coronavirus e ora la guerra ucraina hanno causato sfide, secondo Nagy, è stato “già dimostrato durante la pandemia che l’agricoltura ungherese è resiliente”.

Il ministero compenserà il precedente svantaggio competitivo spendendo un totale di 4,265 miliardi di HUF per modernizzare l’industria agroalimentare nel prossimo ciclo. Questo è tre volte di più di quanto hanno potuto spendere nei sette anni che sono stati lasciati indietro.

Stock di grano ucraino

Anche Nagy ha condiviso con il magiaro Nemzet che “Janusz Wojciechowski, il nuovo commissario europeo per l’Agricoltura, ha recentemente visitato l’Ungheria e ha promesso di tenere colloqui di base su un piano che dettaglia la distribuzione delle risorse per la politica agricola comune”.

Per quanto riguarda le conseguenze della guerra in Ucraina, il ministro ha affermato che l’Ungheria è in una posizione fortunata “perché possiamo produrre il doppio del cibo di cui abbiamo bisogno”. Tuttavia, ha aggiunto, “non possiamo essere completamente sereni, perché lo sviluppo del mercato globale incide anche sulla situazione dell’economia ungherese. La scarsità di scorte di grano ucraine ha causato un tale panico che i prezzi hanno immediatamente iniziato a salire”.

“Cosa accadrà dopo, quanto durerà l’aumento dei prezzi, quali saranno le conseguenze della guerra, nessuno può dirlo. La cosa più importante ora – e il governo ungherese sta lavorando duramente su questo – è trovare un modo per liberare i 20 milioni di tonnellate di grano ucraino che sono bloccati nel paese”, ha spiegato Nagy. Secondo lui, l’unico modo per farlo è fornire un corridoio terrestre per le merci, che “non può essere ritardato”.

Articolo correlato

Nonostante i diritti di prelazione introdotti di recente, il governo non impedisce le esportazioni di cereali ungheresi

Nonostante i diritti di prelazione introdotti di recente, il governo non impedisce le esportazioni di cereali ungheresi

Secondo il ministero dell’Agricoltura, dall’introduzione del provvedimento, in Ungheria sono state dichiarate per l’esportazione un totale di circa 3 milioni di tonnellate di colture, come negli anni precedenti.Continua a leggere

Per fare ciò, “Dobbiamo espandere la capacità di stoccaggio e accoglienza al confine ungherese-ucraino. Sono necessari potenziamento delle strutture di trasbordo, nuovi binari e capacità di stoccaggio temporaneo, ma soprattutto abbiamo bisogno di carri. Questo è possibile solo con una cooperazione internazionale molto seria. E con venti milioni di tonnellate di grano ucraino che scarseggiano, è in gioco la sicurezza dell’approvvigionamento di molti paesi”.

Se il grano lasciasse il Paese, il mercato si calmerebbe ei prezzi si consoliderebbero. Ma se non ci riusciamo, potrebbero esserci gravi tensioni sociali. Marocco, Egitto, Tunisia e Algeria sono i principali importatori di cereali. Ricorda la primavera araba, innescata da un anno di siccità nella regione nordafricana. Se non riusciamo a tirare fuori il grano, potrebbe persino portare a un’escalation della guerra”.

Tuttavia, secondo Nagy:

L’Ungheria non deve temere la scarsità di cibo”.

“È stata un’ottima decisione introdurre la registrazione obbligatoria [of grain exports from the Hungarian market]poiché possiamo gestire in modo responsabile solo se siamo consapevoli degli sviluppi del mercato”, ha affermato Nagy, aggiungendo che questo è qualcosa che vorrebbe mantenere.

Riguardo al limite di prezzo, ha affermato che “è stata una decisione piuttosto audace ma molto efficace da parte del governo”.

Immagine in primo piano tramite Aniko Kovács/MTI





Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

it_ITItaliano