Vai al contenuto

L’uomo dell’Ohio mantiene la promessa, porta il fratello a casa con un antico carro funebre

L'uomo dell'Ohio mantiene la promessa, porta il fratello a casa con un antico carro funebre


I figli, i nipoti e i nipoti di Jim Hawk lo portano dall’antico carro funebre nella casa della famiglia Hawk, a East Rochester, Ohio, per una scia, il 16 aprile. Jim Hawk fu trasportato a casa nell’antico carro funebre da suo fratello, Ted. (Foto inviata)

EAST ROCHESTER, Ohio — Ted Hawk si stava preparando per la morte di suo fratello da diversi anni. Suo fratello maggiore, Jim, aveva due richieste.

“Ha detto: ‘La prima cosa è che voglio passare una notte in casa e avere ore di chiamata lì'”, ha detto Ted.

Dovrebbe essere abbastanza facile. L’imponente casa vittoriana della famiglia che Ted ha acquistato dopo la morte di sua madre ha un salotto e si trova sotto il cimitero di famiglia: il cimitero di Hawk & Sanor. Jim sarebbe stato sepolto in un appezzamento vicino ai suoi genitori e cinque fratelli che sono morti prima di lui.

“Poi, ha detto ‘la seconda cosa è, quando sono nella bara, voglio guidare su una vecchia macchina’”.

Quella parte era un po’ più complicata. Ted ha detto che l’Ohio ha una legge che vieta il trasporto di cadaveri in veicoli aperti. Quindi, usare un camion non era un’opzione.

“Ho detto: ‘OK, ti costruirò un carro funebre e ti trascinerò dentro’”, ricorda Ted. “E lui ha detto: ‘Sarebbe fantastico.'”

Ted costruì un carro funebre da una Ford Model TT del 1925, la versione commerciale da 1 tonnellata della Model T, una storia raccontata per la prima volta da Fattoria e caseificioin ottobre 2019. Poi ha aspettato. Passarono un paio d’anni. La notte dell’11 aprile ricevette la telefonata che suo fratello era morto. Era ora di andare.

Conoscendo Jim

Jim Hawk è nato il 1 maggio 1946 come Neal Arthur Hawk. Era il settimo dei 12 figli di Elwin e Hazel Hawk. Elwin aveva l’abitudine di dare ai suoi figli soprannomi che erano completamente estranei ai loro nomi di battesimo, ed è così che finì per essere chiamato Jim.

È cresciuto nella fattoria di famiglia a East Rochester, Ohio, in Hawk Road. Man mano che la famiglia cresceva, i suoi genitori comprarono una casa nelle vicinanze, la vittoriana che Ted ora possiede in Summers Road.

Jim Hawk e sua moglie Rosemary. (immagine inviata)

Jim ha imparato a lavorare su macchinari di ogni tipo mentre lavorava per suo padre negli Hawk Laboratories, un’officina meccanica a East Rochester. Si ritirò da Anchor Glass and Container, a Zanesville, Ohio, dopo 30 anni. In pensione, allevava bovini da carne e lavorava come consulente per la manutenzione dei macchinari.

“Era uno degli uomini più intelligenti che abbia mai conosciuto”, ha detto il suo figlio maggiore, Mike Hawk. “Ci sono pochissime cose che l’ho visto fare a pezzi e rimontare, e in realtà non funziona.”

“Potrebbe non avere tutti i bulloni”, ha detto il figlio più giovane di Jim, Bob Hawk, prendendo in giro il suo defunto padre.

Jim aveva un paio di invenzioni, una delle quali era una saldatrice automatica per saldare la ghisa. Suo padre l’ha cablato con tutti i fili dello stesso colore in modo che nessuno potesse lavorarci sopra tranne lui, ha detto Mike.

“Sai qual è la verità, perché l’ha cablato solo con un colore? Perché ha dovuto comprare solo un rotolo di filo”, ha detto Ted. “Mio fratello Jim era piuttosto a corto di soldi. C’è frugalità. Poi c’è stretto. Poi c’è Jim”.

Jim si è trasferito a Dresda, Ohio, dove ha cresciuto i suoi quattro figli, Kim, Mike, Jeffrey e Bob. Li ha supportati durante le loro attività scolastiche e sportive, partecipando a tutte le partite di baseball di Bob e alle partite di football di Mike. Hanno trascorso del tempo insieme nel garage, Jim ha trasmesso le sue conoscenze meccaniche e tecniche, ha detto Bob.

A volte potrebbe essere difficile andare d’accordo con loro padre. Era vecchio stile e un po’ testardo, ma era anche birichino e aveva senso dell’umorismo.

“Potrebbe darti l’inferno in nove modi diversi e, alla fine della conversazione, lo ringrazieresti per questo”, ha detto Mike.

Jim morto a casa nella sua fattoria dopo anni di lotta contro la broncopneumopatia cronica ostruttiva e l’insufficienza cardiaca congestizia.

La corsa

Quando Ted ha ricevuto la chiamata lunedì sera, hanno iniziato a fare progetti per quella che Ted chiamava affettuosamente “L’eccellente avventura di Jim e Ted”.

La prima tappa è stata quella di trainare il un carro funebre a Dresda, Ohio, giovedì sera, 14 aprile, per l’orario di chiamata in un’impresa di pompe funebri. La seconda tappa è stata la mattina successiva, il 15 aprile, intorno alle 9 del mattino, quando hanno caricato la bara di Jim nel carro funebre e hanno iniziato il viaggio verso nord.

I piani sono cambiati una volta avviati. Il traffico è stato più intenso del previsto perché era il Venerdì Santo. Dopo circa 30 miglia, decisero che non era sicuro trovarsi sulla strada trafficata con le auto d’epoca per il viaggio di ritorno di 90 miglia a East Rochester. Caricarono le auto e le trascinarono appena fuori Minerva e guidarono per circa 10 miglia a casa.

auto d'epoca siedono fuori da una casa vittoriana.  Un carro funebre costruito in casa si trova davanti alla casa con una bara nella parte posteriore.
Il carro funebre Ford Model TT Ted Hawk costruito per trasportare il fratello defunto al cimitero di famiglia a East Rochester, Ohio, da Dresda, Ohio, si trova fuori dalla casa della famiglia Hawk, aprile 16. Le altre auto antiche della famiglia si trovano allineate nel vialetto. (Foto inviata)

di nuovo insieme

La famiglia ha iniziato a riunirsi per tutta la giornata venerdì. Ted, Bob, il figlio di Bob, Brandon, e Ted e il nipote di Jim, Chuck, si sono presentati tutti indossando una tuta di jeans Liberty. Non era previsto. È proprio quello che gli piace indossare. Dissero che anche Jim li avrebbe indossati se avesse avuto la possibilità di scegliere.

Si sono radunati anche veicoli antichi. Fanno parte della famiglia come qualsiasi altra cosa. Elwin Hawk ha regalato a tre dei suoi figli auto d’epoca. Jim ha una Chevy Superior del 1926. Chuck ha ricevuto una Ford Model T del 1924. Tom ha ottenuto una Ford Model T del 1927. Le tre auto erano parcheggiate davanti alla casa venerdì pomeriggio, la prima volta che i veicoli erano stati nello stesso posto insieme in almeno 50 anni.

Quando ebbero abbastanza manodopera, i figli ei nipoti di Jim lo portarono nella casa di famiglia per un ultimo pernottamento. Quella sera si tennero gli orari di chiamata, seguiti da una veglia funebre irlandese.

L’ultima tappa dell’avventura è stata la funzione e la sepoltura sabato mattina, 16 aprile. La pioggia li ha costretti a entrare per la funzione, ma si è fermata abbastanza a lungo da portare Jim al cimitero e seppellirlo.

Mike ha detto che suo padre avrebbe apprezzato il grande trambusto fatto su di lui, dalla costruzione del carro funebre al viaggio per riportarlo a casa.

“Gli piace quando è al centro dell’attenzione”, ha detto Mike. “Non può fare niente di facile.”

L’umorismo oscuro è parte integrante dell’essere un falco. La morte è solo un’altra parte della vita quando gestisci un cimitero di famiglia. Ted ha seppellito lì i suoi genitori e ora sei dei suoi fratelli.

“Devi avere un senso dell’umorismo per essere in questa famiglia”, ha detto Mike.

Contenuto relativo

(La giornalista Rachel Wagoner può essere contattata al numero 800-837-3419 o rachel@farmanddairy.com.)

RIMANI INFORMATO. ISCRIVITI!

Notizie aggiornate sull’agricoltura nella tua casella di posta!



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

it_ITItaliano