Vai al contenuto

L’ultima fattoria di foie gras ucraina a chiudere


Nell’aprile 2019, l’organizzazione per la difesa degli animali, Open Cages, documentata estrema crudeltà all’interno dell’ultimo allevamento di foie gras in Ucraina, di proprietà e gestito dall’azienda avicola MHP, durante un’indagine sotto copertura.

Oggi, MHP ha fatto il suoFine delle operazioni‘ annuncio a seguito della pressione internazionale derivante dall’indagine sotto copertura nella fattoria all’inizio di quest’anno. L’azienda dovrebbe cessare tutta la produzione di foie gras entro l’inizio di settembre.

Secondo l’Independent, l’MHP avrebbe tenuto 20.000 uccelli in un’unità di foie gras in stile industriale. L’anno scorso, la società ha dichiarato di aver venduto 50.000 tonnellate di foie gras, principalmente a consumatori al di fuori dell’Ucraina. La fine delle operazioni in un altro allevamento di foie gras significa la fine delle sofferenze inutili per migliaia di animali innocenti.

Il foie gras è considerato una prelibatezza in molti paesi ed è prodotto dal fegato grasso di anatre e oche gonfie. Per nutrire forzatamente questi uccelli, i lavoratori li immobilizzano e spingono lunghi tubi nelle loro delicate gole almeno due volte al giorno.

Questo processo di alimentazione forzata spesso porta a infezioni, danni esofagei, compromissione della funzionalità epatica e morte per soffocamento degli uccelli con il loro stesso vomito.

Ogni giorno gli uccelli vengono nutriti con quantità maggiori di mangime, quindi i loro fegati si gonfiano fino a oltre 10 volte le loro dimensioni normali in modo rapido e insostenibile. Questo processo è così stressante per i loro corpi e le loro menti che spesso gli uccelli muoiono a causa dell’alimentazione stessa.

Gli investigatori hanno visto i lavoratori lanciare in modo aggressivo uccelli nelle gabbie, lubrificare i loro tubi di alimentazione forzata con olio motore e hanno scoperto innumerevoli uccelli morti lasciati a marcire.

Dopo aver visto il filmato, diversi ristoranti nel Regno Unito hanno rimosso il foie gras dai loro menu.

“Tutti i ristoranti del Regno Unito che servono ancora foie gras si guarderanno allo specchio: la crudeltà sugli animali è un brutto affare”.

L’azienda responsabile della crudeltà scrive: “MHP ritiene che la produzione di foie gras non sia coerente con la strategia e la politica dell’azienda di essere un leader globale nel settore dell’E&S e del benessere degli animali”.

A seguito della rimozione del foie gras dai menu di ristoranti rinomati come Number One, The Tower e Prestonfield House, ci si aspetta che altri ristoranti del Regno Unito seguano l’esempio.

“È difficile credere che il foie gras esista”, ha dichiarato il CEO di Open Cages Connor Jackson in una dichiarazione. “L’alimentazione forzata degli animali fino a quando il loro fegato non si gonfia 10 volte più grande è semplicemente barbaro e l’etichetta “lusso” del prodotto è quasi ridicola. Siamo assolutamente entusiasti di vedere questa azienda scegliere di opporsi a sofferenze inutili chiudendo. Tutti i ristoranti del Regno Unito che servono ancora foie gras si guarderanno allo specchio: la crudeltà sugli animali è un brutto affare”.

Negli Stati Uniti, la California ha vietata la vendita di foie gras e aziende come Postmates hanno smesso di consegnarlo ai propri clienti.

Molti paesi – come Austria, Repubblica Ceca, Danimarca, Finlandia, Germania, India, Israele, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Norvegia, Polonia, Sudafrica, Svezia, Svizzera e Regno Unito – hanno già vietato la produzione di foie gras . Man mano che sempre più paesi abbandonano la pratica, stanno innescando un movimento di allontanamento dal foie gras da parte dei consumatori di tutto il mondo.

Taylor mite

Taylor Meek è il Community Manager e un autore collaboratore di Sentient Media. Gestisce il team di Social Media Volunteer e il programma Social Media Fellowship. Seguila su Twitter su @taylorthemeek e Instagram su @crueltyfreecravings





Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

it_ITItaliano