Vai al contenuto

L’interesse della Cina per l’agricoltura statunitense rappresenta una minaccia per la sicurezza, avverte il rapporto federale

L'interesse della Cina per l'agricoltura statunitense rappresenta una minaccia per la sicurezza, avverte il rapporto federale


NUOVOOra puoi ascoltare gli articoli di Fox News!

La determinazione della Cina a diventare autosufficiente e risolvere le sue sfide alla sicurezza alimentare potrebbe mettere gli Stati Uniti, in quanto principale produttore mondiale di agricoltura, nel mirino di Pechino, ha avvertito questa settimana un rapporto federale.

Lo ha avvertito il rapporto pubblicato dalla US-Cina Economic and Security Review Commission (USCC). Gli sforzi della Cina per rafforzare il suo settore agricolo non solo rappresentano una sfida economica, ma anche una minaccia per la sicurezza degli Stati Uniti.

L’incapacità della Cina di garantire una produzione interna sufficiente per sfamare la sua mastodontica popolazione significa che ha cercato nazioni come gli Stati Uniti per acquisire terreni agricoli, bestiame, attrezzature e proprietà intellettuale, in alcuni casi attraverso il furto.

Il presidente cinese Xi Jinping parla durante la cerimonia di apertura congiunta dell'8° ciclo di dialoghi strategici ed economici USA-Cina e del 7° ciclo di consultazioni ad alto livello USA-Cina sullo scambio interpersonale, a Pechino.

Il presidente cinese Xi Jinping parla durante la cerimonia di apertura congiunta dell’8° ciclo di dialoghi strategici ed economici USA-Cina e del 7° ciclo di consultazioni ad alto livello USA-Cina sullo scambio interpersonale, a Pechino.
(REUTERS/Damir Sagolj)

“Gli Stati Uniti sono un leader globale in tutti questi campi, rendendolo un partner commerciale privilegiato e spesso un obiettivo degli sforzi della Cina per rafforzare il suo settore agricolo e la sicurezza alimentare, a volte attraverso mezzi illeciti”, afferma il rapporto.

NOI NON INTERESSATI ALLA ‘GUERRA FREDDA’ CON LA CINA, PIANO DI INCREMENTARE LA COMUNICAZIONE DIRETTA: BLINKEN

La Cina sta cercando di dominare l’industria delle sementi geneticamente modificate, che ha il potenziale per enormi guadagni economici inaspettati.

L’avanzamento delle scorte di semi di Pechino non solo ridurrebbe la sua dipendenza da nazioni come gli Stati Uniti, ma potrebbe farne un importante concorrente nel mercato globale.

Il rapporto dell’USCC ha rilevato che gli Stati Uniti hanno esportato semi per un valore di 1,62 miliardi di dollari, principalmente ortaggi, mais, semi di soia ed erbe aromatiche, nel 2020.

Il presidente cinese Xi Jinping parla a un incontro per commemorare il 110° anniversario della Rivoluzione Xinhai presso la Grande Sala del Popolo a Pechino, in Cina, il 9 ottobre 2021.

Il presidente cinese Xi Jinping parla a un incontro per commemorare il 110° anniversario della Rivoluzione Xinhai presso la Grande Sala del Popolo a Pechino, in Cina, il 9 ottobre 2021.
(REUTERS/Carlos Garcia Rawlins/File foto)

Nel 2021, 173,9 milioni di dollari di semi esportati sono stati venduti alla sola Cina, il che equivaleva a circa il 15% delle esportazioni totali.

Il presidente cinese Xi Jinping ha dirigeva l’industria agricola per espandere la sua collezione di semi mentre cerca di ridurre la dipendenza della Cina dalle risorse straniere.

Piuttosto che indirizzare le proprie risorse per lo sviluppo e la ricerca in innovazioni di sementi domestiche, lo spionaggio è diventato uno strumento principale per il suo settore agricolo.

“L’acquisizione di segreti commerciali statunitensi attraverso lo spionaggio agricolo è diventato un modo conveniente per la Cina di migliorare la sua produzione agricola e diventare più competitiva sui mercati globali”, ha rilevato il rapporto. “Il furto di proprietà intellettuale in agricoltura potrebbe consentire alle aziende agroalimentari cinesi di minare i concorrenti statunitensi sui mercati internazionali delle sementi”.

Ma al di fuori dei problemi economici che Pechino potrebbe infliggere agli Stati Uniti c’è una minaccia ancora più inquietante per la produzione alimentare statunitense.

Un magazzino di grano appartenente a Ivan Kilgan, capo del villaggio dell'associazione agricola regionale, nel villaggio di Luky, nell'Ucraina occidentale, 25 marzo 2022.

Un magazzino di grano appartenente a Ivan Kilgan, capo del villaggio dell’associazione agricola regionale, nel villaggio di Luky, nell’Ucraina occidentale, 25 marzo 2022.
(PAPÀ)

LEGALE REPUBBLICO SPINGE LA LEGISLAZIONE PER FERMARE LA CINA DEL “MONOPOLIO AGRICOLO” NEGLI STATI UNITI

I semi geneticamente modificati aiutano ad aggirare la realtà imprevedibile che l’industria agricola deve affrontare ogni stagione mitigando il rischio di siccità, parassiti e malattie.

Pensiero la tecnologia alla base della modificazione genetica un raccolto può salvare una stagione agricola, può anche essere utilizzato per coltivare colture ingegnerizzate.

“Una vulnerabilità dei semi geneticamente modificati è la loro variazione genetica limitata. Di conseguenza, un virus o un fungo progettato per uccidere una pianta geneticamente modificata potrebbe spazzare via un intero raccolto senza variazioni genetiche per mitigare le perdite”, ha rilevato il rapporto.

Classifica della Commissione Agricoltura della Camera Membro Rep. Glenn Thompson ha detto a Fox News che “la sicurezza alimentare è sicurezza nazionale” e ha affermato che il rapporto dell’USCC ha mostrato che gli Stati Uniti devono assumere posizioni più dure per salvaguardare la proprietà intellettuale degli Stati Uniti e l’industria agricola.

Rappresentante.  Glenn Thompson, R-Pa., parla durante una conferenza stampa tenuta dal presidente delle risorse naturali della Camera Doc Hastings, R-Wash., 18 maggio 2012.

Rappresentante. Glenn Thompson, R-Pa., parla durante una conferenza stampa tenuta dal presidente delle risorse naturali della Camera Doc Hastings, R-Wash., 18 maggio 2012.
(di Bill Clark/CQ appello)

“I nostri produttori fanno di tutto per garantire che gli Stati Uniti forniscano l’approvvigionamento alimentare più sicuro, e questo non può essere messo a repentaglio”, ha affermato. “È giunto il momento di rafforzare le nostre catene di approvvigionamento malmesse e garantire ai produttori statunitensi l’accesso a mercati liberi ed equi per alleviare l’impatto dell’incombente crisi alimentare globale”.

Dopo gli attacchi terroristici del 2001, la Cina ha espresso preoccupazione per il fatto che il bioterrorismo potrebbe essere una minaccia crescente e la biosicurezza è diventata una priorità assoluta per la nazione.

Tradizionalmente, la Cina ha esitato a importare animali e piante geneticamente modificati.

Ma il rapporto osserva che Pechino ha “sempre più riconosciuto i vantaggi strategici [of] organismi geneticamente modificati” e potrebbe utilizzare le importazioni occidentali per sviluppare la sua tecnologia e raggiungere il dominio agricolo globale.

“Il Partito Comunista Cinese vuole chiaramente soppiantare l’influenza e la leadership del nostro Paese in ogni area, compresa l’agricoltura”, ha affermato il Sen. John Boozman ha detto a Fox News. “Non dobbiamo addormentarci all’interruttore e dare alla Cina un’apertura per sfruttare.

Una mietitrebbia raccoglie grano, agosto.  5, 2021, vicino a Pullman, Washington.

Una mietitrebbia raccoglie grano, agosto. 5, 2021, vicino a Pullman, Washington.
(PAPÀ)

CLICCA QUI PER OTTENERE L’APP FOX NEWS

L’amministrazione Biden e il Congresso deve fare ogni sforzo per proteggere il nostro approvvigionamento alimentare, la proprietà intellettuale e la tecnologia che rendono la nostra industria agricola l’invidia del mondo e le nostre catene di approvvigionamento dalle vulnerabilità che Pechino desidera sfruttare a proprio vantaggio ea danno degli Stati Uniti”, ha aggiunto Boozman.

L’USCC ha affermato che raccomanda alla comunità dell’intelligence di iniziare a lavorare con il Dipartimento dell’agricoltura degli Stati Uniti per sviluppare e proteggere l’industria agricola statunitense e proteggerla meglio dagli avversari stranieri come la Cina.



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

it_ITItaliano