Vai al contenuto

Letteratura: morte di Claude Michelet, la terra con grandi tirature – Francia

Letteratura: morte di Claude Michelet, la terra con grandi tirature - Francia




Claude Michelet è stato un “contadino-scrittore” che ha venduto milioni di libri, alfiere della letteratura popolare lontano dai grandi premi letterari parigini. I suoi cosiddetti romanzi locali, riflessioni sulla società rurale del secolo scorso, hanno avuto un impatto immenso sulla coscienza francese. Le edizioni di Robert Laffont contano quasi tre milioni di copie vendute.

Con “Des grives aux loups”, successo sin dalla sua pubblicazione nel 1979, seguito da altri tre romanzi di famiglia (“Les doves non passano più”; “L’appel des engoulevents”; “La terre des Vialhe”), si iscrive nel tradizione dei romanzi popolari del XIX secolo.

Figlio di Corrèze

Fu a metà degli anni ’70, durante la fiera del libro di Brive, che un gruppo di scrittori, riuniti attorno a Jacques Peuchmaurd, direttore letterario di Robert Laffont, creò la “scuola di Brive”. Vi troviamo Claude Michelet, Gilbert Bordes, Jean-Guy Soumy o Colette Laussac.

Perché Claude Michelet è figlio di Corrèze. Nato a Brive il 30 maggio 1938, era l’ultimo di sette figli (quello che racconta nei suoi ricordi d’infanzia “Once Seven”, 1970). Nel 1945 si trasferì a Parigi dove suo padre, Edmond Michelet, di ritorno da Dachau, fu nominato Ministro delle Forze Armate dal generale de Gaulle. Rende omaggio a questo cattolico resistente in “Mio padre Edmond Michelet” (1971).

Fino al 1952, il turbolento bambino visse a Parigi ma sognava la sua campagna della Corrézienne dove la famiglia possedeva una tenuta, un ex rifugio per i maquisard.

Dall’età di 14 anni decide che diventerà un contadino. Dopo la formazione presso la scuola agraria di Lancosme (Indre), partì per il servizio militare in Algeria (1958-1960). “Chiamato in Algeria (…), non è mai tornato del tutto, come tutti quelli della sua generazione”, ha detto all’AFP il figlio più giovane Jean-Marc, annunciando la sua morte.

Appassionato della causa contadina

Si trasferisce a Marcillac nel 1960 nella casa di famiglia. Con diciannove ettari di terreno incolto, cinque mucche e una giovenca, si mise al lavoro. In “Ho scelto la terra” (1975), descrive molto semplicemente i suoi anni di duro lavoro punteggiati da successi e fallimenti. Attraverso questo primo successo, divenne la voce di migliaia di piccoli agricoltori spesso disorientati dalle riforme agrarie.

In tutte le pagine dedica un tenace risentimento a tecnocrati, pianificatori ed economisti. Appassionato della causa contadina, vuole dimostrare che queste migliaia di fattorie che costellano il paese sono il segno distintivo dell’identità francese.

Con “Des grives aux loups”, consacrato nel 1980 dal Premio dei Librai, Claude Michelet vendette in pochi mesi più di 500.000 copie. Racconta la storia del 20° secolo della famiglia Vialhe stabilita nel villaggio di Saint-Libéral (Corrèze). Lo stile è semplice, le pagine sono scandite da guerre, conflitti generazionali, rivoluzioni tecniche ma anche amori, matrimoni e lutti. La storia di una famiglia francese come se ce ne fossero milioni e di un villaggio come se ce ne fossero migliaia.

Disprezzato dalla critica

Con il suo allevamento di mucche del Limosino ma anche grazie al successo della sua saga, ha cresciuto i suoi sei figli. Un problema di salute lo costrinse presto a ridurre la sua attività agricola.

I romanzi sull’ombelico girano un po’ in tondo nei miei occhi. Provengono da scrittori che passano il loro tempo a fare psicoanalisi in pubblico, cosa di cui al pubblico non frega niente.

Disprezzato dalla critica, è accusato di scrivere sub-letteratura. “Non importa, non merita alcuna risposta”, ribatté su Le Parisien nel 2000. “La cosa principale è che non sono tagliato fuori dai miei lettori”.

“Essere popolari significa saper raccontare una storia mentre si imparano le cose. (…) Ai miei occhi, i romanzi sull’ombelico girano un po’ in tondo. Provengono da scrittori che passano il tempo a fare psicoanalisi in pubblico, di cui al pubblico se ne frega».





Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

it_ITItaliano