Vai al contenuto

Le celebrazioni pasquali sono una tradizione locale di lunga data




Mantenere vivo il Natale, a 3.000 di distanza

Durante il periodo natalizio molte persone diventano nostalgiche, ricordando i Natali passati, soprattutto quelli felici trascorsi con la famiglia e gli amici o uno insolito. Questo è vero soprattutto per quelli di noi che sono nei nostri anni da senior. Poiché i nostri livelli di energia sono più bassi, trascorriamo più tempo seduti, ricordando quei momenti felici degli anni passati.

Di recente, durante una delle mie nostalgiche “sessioni di ricordi” che ho tenuto durante l’ultimo periodo natalizio, mi è venuto in mente il Natale del 1951, 70 anni fa.

Nell’estate del 1949, un’unità di riserva dell’esercito, il 426 Field Artillery Battalion, fu organizzata con unità a Mount Airy e Winston-Salem. La batteria “A” e il distaccamento medico si trovavano a Mount Airy con il resto delle unità a Winston-Salem.

Quando la guerra di Corea iniziò nel giugno 1950, il 426 fu immediatamente attivato e gli fu ordinato di fare rapporto a Fort Bragg in settembre. C’erano 78 uomini di Mount Airy/Surry County che furono attivati ​​e gli fu ordinato di fare rapporto a Fort Bragg. Alcuni di quegli uomini furono presto rilasciati per vari motivi e tornarono a casa.

Il 426 rimase a Fort Bragg fino all’estate del 1951, quando fu schierato a Dolan Barracks, Schwabisch Hall, Germania.

Gli uomini di Mount Airy/Surry County prestarono servizio in posizioni importanti in tutto il battaglione, in particolare nella batteria “A”. La stragrande maggioranza erano veterani della seconda guerra mondiale; la maggior parte aveva famiglie con bambini a casa a Mount Airy.

Con l’avvicinarsi del Natale del 1951, sorse la domanda su come celebrare al meglio il periodo natalizio a 3.000 miglia da casa e dalle famiglie. C’era un consenso generale sul fatto che avremmo dovuto fare qualcosa di speciale che esemplificasse il vero spirito del dono di Natale.

Dopo un periodo di discussione da parte degli uomini, abbiamo deciso di organizzare una festa di Natale per i bambini in un orfanotrofio situato vicino alla nostra base militare. C’erano circa 50 bambini che erano residenti in questo orfanotrofio. La maggior parte dei genitori di quei bambini furono uccisi durante le battaglie della seconda guerra mondiale. Volevamo fare questa festa di Natale con i nostri soldi senza il coinvolgimento del comando militare. Guidati dai sottufficiali senior di Mount Airy/Surry County, abbiamo raccolto una collezione e sono state donate diverse centinaia di dollari.

Il piano era di portare i bambini nella nostra base militare, dar loro da mangiare un pasto a base di cibi tradizionali di Natale, far fare una visita a Babbo Natale e dare a ogni bambino un regalo e un regalo di caramelle e frutta. La mensa dell’esercito era decorata con un albero di Natale, luci di Natale e altra vegetazione e decorazioni natalizie come sarebbero state fatte a casa. Mai una mensa militare era stata decorata così elegantemente per Natale.

I bambini sono stati portati alla base alcuni giorni prima di Natale in modo che gli uomini potessero festeggiare il giorno di Natale. Un soldato fungeva da ospite per ogni bambino (il mio ospite era un bambino di 5 anni che non capiva l’inglese; nemmeno io capivo il tedesco ma lo spirito del Natale superava le barriere linguistiche).

Il piano ha funzionato perfettamente; i bambini erano visibilmente eccitati anche tra un gruppo di strani uomini in uniforme dell’esercito e in una mensa dell’esercito. Gli uomini erano ugualmente entusiasti dello spirito del Natale e dell’opportunità di rendere felice un gruppo di bambini. Hanno goduto di un tocco di Natale simile a quello che sarebbe stato celebrato a casa a Mount Airy. I bambini si sono goduti una meravigliosa festa di Natale e hanno apprezzato il loro pasto, i regali e le prelibatezze.

Questi uomini di Mount Airy/Surry County hanno fornito l’allegria natalizia per i bambini a 3.000 miglia da casa, bambini che, probabilmente, avrebbero avuto poco da festeggiare in un paese distrutto dalle devastazioni della seconda guerra mondiale. C’era stata poca ripresa in Germania dalla fine della guerra. La distruzione doveva essere vista ovunque; milioni di militari e civili tedeschi furono uccisi durante la guerra, inclusi molti dei genitori dei bambini che servivamo. L’economia tedesca non si era ripresa e la stragrande maggioranza della popolazione era alimentata dai soccorsi americani secondo le disposizioni del Piano Marshall.

Ciò che è stato fatto dagli uomini di Mount Airy/Surry County per alcuni orfani tedeschi nel Natale del 1951 è tipico di ciò che fanno i militari americani ovunque vadano, che si tratti di Germania, Corea, Vietnam, Afghanistan, Iraq o Giappone.

Gli uomini di Mount Airy/Surry County noti per essere a Schwabisch Hall nel Natale del 1951 e che hanno sostenuto il programma di Natale per i bambini orfani includevano: FSGT Zack Blackmon, PFC Frank Haynes, MSGT Thurmond Miller, SFC Joe Bill Neal, SFC Jack Leach , SGT Calvin Welborn, SFC Robert Holder, FSGT Austin Perdue, SFC Jack Robertson, SFC James Callahan, MSGT George Carroway, SFC Harold Sells, SGT Cecil Chandler, SGT Russell Inscore, SGT Aubrey Wall, SGT Dennis Chilton, SGT Charles Allred, SFC Howard Beeson, SGT Harry King, CPL Paul Welborn, SGT Kent Gibson, SGT George Worth, PFC Buford Harvey, SFC Robert Riggs, SFC Harold Moxley, SGT John Browne. (Se ho perso qualcuno, per favore perdona).

Tutti questi uomini, tranne io e Robert Riggs, da allora sono passati alla loro ricompensa eterna. Senza dubbio questo atto di gentilezza mostrato a un gruppo di bambini orfani fa parte della loro documentazione scritta. I loro figli e nipoti possono essere orgogliosi di ciò che i loro padri e nonni hanno fatto per rendere il Natale un’occasione felice per alcuni bambini orfani 70 anni fa. Hanno seguito l’esempio dato dal Maestro Maestro quando ha detto: “Lasciate che i bambini vengano a me e non glielo impedite. Perché tale è il Regno dei Cieli. E pose le mani sul loro capo e li ferì» (Mt 19,4).

Concludo questo viaggio nostalgico nella memoria con una nota personale: John Browne e io abbiamo guidato il treno verso sud fino a Goeppingen, in Germania, base della 28a divisione di fanteria, per trascorrere il giorno di Natale con mio cugino Grover Holder. Una volta lì abbiamo incontrato altri uomini di Mount Airy tra cui Bass Shelton, la cui casa si trovava in Franklin Street. Fred Murphy, che, insieme ai suoi fratelli, aveva un programma di musica country su WPAQ Radio alla fine degli anni ’40.

John Browne, tornato a casa, ha lavorato per molti anni nel settore delle forniture per ufficio. Ha servito per nove anni nel Mount Airy City Schools Board of Education e per 22 anni come commissario di Mount Airy City. Grover Holder è diventato un pastore battista al servizio delle chiese della Carolina del Nord e della Virginia per oltre 50 anni. Fred Murphy, al ritorno a casa, ha continuato la sua carriera nella musica country. Ho servito come insegnante/amministratore per 36 anni presso le Mount Airy City Schools e il Surry Community College.

Il Natale del 1951 avrebbe potuto essere un giorno solitario e deprimente, ma il vero spirito americano di aiutare il prossimo ha portato gioia e spirito di festa, sia a un gruppo di bambini orfani che a un gruppo di uomini, a 3.000 miglia da casa. Il vero spirito del dono del Natale può essere trovato e praticato ovunque ci si trovi in ​​quel giorno speciale.

Nota del redattore: Reader’s Diary è una caratteristica occasionale in The Mount Airy News, con ricordi e storie di residenti locali.



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

it_ITItaliano