Vai al contenuto

L’agricoltura soffre di una scarsa dotazione di bilancio in EAC


Di LUCA ANAMI

Anche se la fame, la carestia e l’inflazione devastano la regione dell’Africa orientale, il blocco è ancora riluttante a finanziare l’agricoltura e ha stanziato al settore meno dello 0,01% del suo budget.

Nella bozza di bilancio per l’anno finanziario 2022/2023, gli stati partner della Comunità dell’Africa orientale hanno assegnato all’agricoltura un misero 6.750 dollari (0,01%) su un contributo totale di 59,3 milioni di dollari.

Una sessione ministeriale della 15a riunione del Consiglio settoriale per l’agricoltura e la sicurezza alimentare (SCAFS) tenutasi il 25 marzo a Dar es Salaam, ha attribuito ciò in parte alla dipendenza dai finanziamenti dei donatori.

Negli ultimi cinque anni, i partner per lo sviluppo hanno finanziato oltre il 90% del budget del settore.

“Più del 70% delle industrie nella regione e oltre il 65% delle materie prime scambiate sono a base agricola. Esortiamo gli stati partner ad aumentare i finanziamenti per il settore”, ha affermato Christophe Bazivamo, vice segretario generale dell’EAC per i settori produttivi e sociali.

“Sebbene il settore agricolo offra molte opportunità di lavoro, la regione esporta tra 400.000 e 700.000 posti di lavoro ogni anno e continua a importare prodotti agricoli e prodotti come riso e grano che possono essere prodotti all’interno della regione”, ha affermato.

Annuncio

Bazivamo ha affermato che l’EAC si è impegnata a creare un ambiente favorevole allo sviluppo del settore agricolo, catalizzando in particolare l’aumento della produzione agricola e la produttività per raggiungere la nutrizione e la sicurezza alimentare, migliorando le prestazioni delle catene del valore agricolo e dell’agrobusiness e promuovendo il commercio regionale e internazionale di prodotti agricoli i prodotti agricoli trasformati.

“Noto con preoccupazione che l’EAC non sta facendo abbastanza per ridurre le perdite post-raccolta, che attualmente si attestano al 61% a causa della mancanza di strategie per sostenere la conservazione del raccolto”, ha affermato Bazivamo.

Finanziamenti bassi

La riunione sull’agricoltura ha rivelato che negli ultimi cinque anni gli stati partner dell’EAC non sono riusciti ad aumentare i finanziamenti al settore.

“Gli stati partner dell’EAC devono ancora rispettare gli impegni del Programma di sviluppo agricolo globale dell’Africa (CAADP)/Malabo, come indicato nel terzo rapporto di revisione biennale lanciato a marzo”, ha affermato il dott. Francis Owino, segretario principale dell’agricoltura del Kenya, che ha presieduto il settore agricolo dell’EAC Riunione ministeriale a nome del segretario di gabinetto dell’agricoltura Peter Munya.

Il 3° Rapporto di Revisione Biennale è stato finalizzato nel 2021 e presentato all’Assemblea Generale dell’UA a febbraio.

La Dichiarazione di Malabo del 2014 dei capi di Stato e di governo africani richiede che il settore sia finanziato con almeno il 10% del bilancio annuale di ciascun paese.

Per la terza volta consecutiva, solo il Ruanda con un punteggio di 7,43 era “sulla buona strada” nella regione ed è stato classificato come il paese con le migliori prestazioni del continente nel soddisfare gli impegni CAADP/Malabo contro un punteggio di riferimento di 7,28.

A livello regionale, la Tanzania si è classificata seconda con un punteggio di 6,14 seguita dall’Uganda (5,89); Burundi (5,63) e Kenya (5,62).

Mentre gli altri Stati partner sono stati considerati “avanzando bene”, il Sud Sudan con un punteggio di 2,88 “non era sulla buona strada”.

Tuttavia, con un punteggio medio di 5,60, la regione EAC sta “procedendo bene” nell’attuazione degli impegni CAADP/Malabo rispetto ad altri blocchi economici regionali.

Critiche da parte degli agricoltori

Il Kenya assegna meno del tre per cento del suo budget all’agricoltura, suscitando critiche da parte degli agricoltori.

“Il finanziamento del settore agricolo in Kenya è sempre stato uno scherzo. Se parliamo sempre di agricoltura come spina dorsale dell’economia, non so perché dovremmo sempre ricordarci di nutrire la nostra gente”, ha affermato Kipkorir Menjo, direttore della Kenya Farmers Association.

“Le persone devono essere sicure dal punto di vista alimentare e non è qualcosa che dobbiamo ricordarci dei donatori o di qualcun altro”.

Oltre a svolgere un ruolo nel garantire la sicurezza alimentare e nutrizionale, l’agricoltura fornisce un supporto fondamentale ad altri settori come la produzione attraverso la fornitura di materie prime.

Tuttavia, il settore sta affrontando vari vincoli come condizioni meteorologiche avverse; malattie degli insetti e delle colture; lenta attuazione dei progetti faro a sostegno dell’irrigazione; e lenti progressi nella promozione del valore aggiunto.



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

it_ITItaliano