Vai al contenuto

La fotografa Claudia Caporn celebra le contadine e le donne in agricoltura con una serie di ritratti “educativi”.

La fotografa Claudia Caporn celebra le contadine e le donne in agricoltura con una serie di ritratti "educativi".


La fotografa dell’Australia occidentale Claudia Caporn afferma che lo stereotipo di un contadino in Australia è un “maschio giovane, in forma” ed è qualcosa che lei vuole cambiare.

Cresciuta nella regione di Wheatbelt, è stata circondata da donne contadine per tutta la vita.

Attualmente viaggiando per l’Australia occidentale, la signora Caporn spera di usare la sua fotografia per cambiare il volto dell’agricoltura.

“Sto solo continuando a viaggiare con la mia macchina fotografica, cercando di ottenere un’immagine di donne che sia autentica e reale, e in qualche modo sfida l’idea che l’agricoltore australiano sia un maschio sano, giovane e in forma con un cappello Akubra “, ha detto la signora Caporn.

Claudias madre lisa è in piedi davanti alla legna da ardere con un'ascia in mano e indossa un pigiama rosa
Claudia ha fotografato sua madre Lisa nella fattoria di famiglia, per recitare nella serie.(In dotazione: Claudia Caporn)

Durante una recente visita nella regione del Great Southern, ha frequentato la Denmark Agricultural School per fotografare le studentesse.

Il direttore della fattoria della scuola, Kevin Marshall, ha detto che c’erano sempre donne che lavoravano nell’agricoltura, ma non era sempre in mostra.

“Sono nelle loro fattorie di famiglia e la pianificazione della progressione o della successione sta avvenendo, semplicemente non ne vediamo molto”, ha detto.

Una contadina incinta si trova in un ovile con delle pecore che la circondano
Claudia spera che la collezione abbatterà gli stereotipi e metterà in evidenza il lavoro manuale che le donne svolgono nelle fattorie.(In dotazione: Claudia Caporn)

Claudia spera che le sue fotografie aumenteranno la rappresentazione delle donne nel settore.

Dopo aver ricevuto la sovvenzione del fondo per artisti Minderoo l’anno scorso, la 25enne sta sviluppando una serie intitolata Women of the Land.

“È una serie di ritratti fotografici… Volevo usare la mia fotografia per poter criticare una sorta di stereotipi maschili all’interno del settore”, ha detto.

“IO [also] ha voluto utilizzare questa serie come strumento educativo per le persone che vivono in città che, non per colpa loro, sono più disconnesse dalla realtà dell’agricoltura e dell’agricoltura, su cui tutti facciamo affidamento”.

la donna sta in maglione grigio e berretto nero in un campo con un trattore sullo sfondo
La serie, ancora in fase di creazione, si intitola Women of the Land.(In dotazione: Claudia Caporn)

Cresciuta a Quairading nella regione di Wheatbelt, la signora Caporn ha voluto mettere in risalto le donne nell’agricoltura dopo essere stata circondata da donne contadine per tutta la vita.

“Essendo rurale, ho potuto usare la mia fotografia per mostrare una realtà diversa rispetto a molte altre persone, e ho pensato di poter usare la fotocamera per cercare di fare del bene”, ha detto la signora Caporn.

Claudia sta sorridendo guardando la telecamera con una macchina fotografica vecchio stile su un treppiede accanto a lei
La signora Caporn vuole cambiare la percezione pubblica dell’aspetto di un tipico agricoltore.(ABC Great Southern: Olicia Di Iorio)

Dopo aver visitato Wheatbelt, Esperance, Grass Patch e Great Southern, la signora Caporn si recherà a Pilbara per incontrare le donne che lavorano negli allevamenti di bestiame.

“È stato davvero fantastico incontrare molte donne più giovani tra i 20 ei 30 anni che stanno davvero spingendo i confini e possedendo davvero di essere un contadino o un lavoratore agricolo a pieno titolo”, ha detto.

Molti degli uomini che ha incontrato dicono di non sapere perché c’è un tale stereotipo maschile.

“Anche gli uomini sono stati di grande supporto, concordano al 100% sul fatto che le donne sono vitali e svolgono un lavoro così importante: lavoro pesante, duro e manuale, non è solo gestire l’attività da casa”, ha detto.

“Non volevo che questa serie togliesse il fatto che gli uomini lavorano, sta solo cercando di portare la consapevolezza che anche le donne fanno questo lavoro”.

Inserito , aggiornato



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

it_ITItaliano