Vai al contenuto

La corte decide che il divieto di foie gras della California resisterà a A Humane World

La corte decide che il divieto di foie gras della


La produzione di foie gras comporta tipicamente l’alimentazione degli animali attraverso tubi di metallo spinti in gola, facendo gonfiare il loro fegato fino a 10 volte la loro dimensione naturale, un processo noto come gavage. Gli uccelli vengono quindi uccisi e i loro fegati raccolti come una “prelibatezza” grassa. Foto per gentile concessione di Wikimedia Commons

Un giudice federale ha appena chiuso l’ultima sfida al divieto del foie gras della California, in un’importante sentenza che riafferma il diritto degli stati di emanare una legislazione che protegga gli animali in agricoltura.

La sentenza del tribunale distrettuale di oggi è l’ultima di una lunga saga iniziata nel 2004, quando la California ha approvato una legge per eliminare gradualmente la produzione e la vendita di foie gras ad alimentazione forzata. All’epoca, la Humane Society degli Stati Uniti, Associazione medica veterinaria della società umanitaria e altri gruppi di protezione degli animali hanno presentato ai legislatori prove che hanno mostrato la grande crudeltà insita in questo prodotto. In genere coinvolge alimentazione degli animali attraverso tubi di metallo forzati in gola, facendo gonfiare i loro fegati fino a 10 volte la loro dimensione naturale, un processo noto come gavage. Gli uccelli vengono quindi uccisi e i loro fegati raccolti come una “prelibatezza” grassa.

Da allora i produttori di foie gras sono aumentati una serie di contestazioni al divieto, senza successo. Nel 2013, il Nono Circuito ha stabilito, in risposta alle denunce dei produttori di foie gras, che la legge non violava la clausola commerciale della Costituzione degli Stati Uniti perché la California ha tutto il diritto di regolamentare le attività all’interno del suo mercato statale per prevenire la complicità in una pratica che ritiene crudele con gli animali.

A seguito di tale perdita, i produttori di foie gras hanno adottato una tattica diversa, sostenendo che la legge sul foie gras non è ammissibile ai sensi di una legge federale sui prodotti avicoli. Il Nono Circuito si schierò ancora una volta con lo Stato, ribaltando una decisione del tribunale di grado inferiore.

L’ultima sfida ha essenzialmente riciclato precedenti affermazioni fatte dai produttori di foie gras. La corte, tuttavia, ha esaminato le loro stanche argomentazioni, trovando che sull’affermazione della clausola commerciale i querelanti avevano presentato “sostanzialmente le stesse sfide sollevate nel primo caso” e che “il record sviluppato fa poco per cambiare la nostra analisi precedente. “

La corte ha anche affermato che i produttori potrebbero rispettare sia la legge federale che quella statale semplicemente “etichettando correttamente i loro prodotti [federal law] e astenersi dal vendere quei prodotti in California”.

La decisione odierna è importante perché afferma che i legislatori e i governatori statali hanno il diritto di stabilire standard per un trattamento umano, se lo desiderano. Gli Stati stanno prendendo sempre più provvedimenti per proteggere gli animali nella produzione alimentare. Negli anni successivi al divieto di vendita di foie gras, molti altri stati, inclusa la California, hanno approvato leggi e misure elettorali che vietano il crudele confinamento degli animali da fattoria e la vendita di quei prodotti, che sono stati confermati dai tribunali.

Il messaggio dovrebbe essere chiaro: i californiani non hanno stomaco per la crudeltà del foie gras. Anche nel mondo c’è una grande distanza per questo prodotto, con più di una dozzina di paesi, tra cui Danimarca, Finlandia, Germania, Israele e Regno Unito, che hanno proibito l’alimentazione forzata per la produzione di foie gras o l’hanno interpretata come illegale ai sensi leggi contro la crudeltà. Gli argomenti per continuare la vendita di un prodotto che non è un alimento base nella dieta di nessuno, e che si basa su un’immensa sofferenza animale, sono esauriti.





Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

it_ITItaliano