Vai al contenuto

impronta di carbonio: come la tecnologia può ridurre l’impronta di carbonio in agricoltura

impronta di carbonio: come la tecnologia può ridurre l'impronta di carbonio in agricoltura


Quando Barack Obama, l’ex presidente degli Stati Uniti, ha detto: “Siamo la prima generazione a sentire l’effetto del cambiamento climatico e l’ultima generazione che può fare qualcosa al riguardo”. – ha sottolineato con forza che il cambiamento climatico oggi è la sfida più grande che l’umanità deve affrontare. Con nove dei dieci anni più caldi mai registrati che si sono verificati nell’ultimo decennio stesso, gli effetti del cambiamento climatico sono ora impossibili da ignorare per chiunque. Abbiamo bisogno di un’azione urgente per fermare gas serra dall’entrare nell’atmosfera e raggiungere emissioni nette zero. Ciò richiede che la cooperazione internazionale e i trattati accettino universalmente, piuttosto che unilateralmente, la decarbonizzazione delle industrie che diamo per scontate, come i combustibili fossili e agricoltura.

Più di un quarto delle emissioni globali di gas serra provengono dall’agricoltura, dalla silvicoltura e dal cambiamento dell’uso del suolo. A meno che non vengano affrontate attivamente e immediatamente, è probabile che le emissioni di questo settore aumenteranno man mano che più persone popolano la Terra e il bisogno di cibo continua a crescere. In India, il settore agricolo rappresenta il 19,6% delle emissioni totali di gas serra del Paese, preceduto dal settore energetico, compresa la generazione di elettricità e calore (44%) e le industrie manifatturiere e i settori delle costruzioni combinati (18%).

Le emissioni agricole in India provengono principalmente dal bestiame settore (54,6 per cento) sotto forma di emissioni di metano dovute alla fermentazione enterica e all’utilizzo di fertilizzanti azotati nei suoli agricoli (19 per cento) che emettono ossidi di azoto; Riso la coltivazione (18,5%) in condizioni anaerobiche rappresenta una quota importante delle emissioni agricole, seguita dalla gestione del bestiame (6,9%) e dalla combustione delle stoppie (2,1%). Pertanto, diventa imperativo accelerare l’implementazione di soluzioni a basse emissioni di carbonio in tutte le catene di approvvigionamento.

La biologia sintetica (synbio) è emersa come un’industria in rapida crescita, con il valore globale di sinbio tecnologie e prodotti dovrebbero raggiungere fino a 20 miliardi di dollari entro il 2024. Con i progressi della biologia sintetica, ora abbiamo molti casi d’uso che possono essere applicati in tutta l’agricoltura.

Mangime alternativo per animali e cattura delle emissioni di metano dal letame

Secondo il 20th Livestock Census (2019), l’India ha la più grande popolazione di bovini del mondo con 535,78 milioni. Il bestiame rappresenta il 78% dei 24 milioni di tonnellate delle emissioni totali di metano dell’India, secondo i dati ufficiali disponibili. I mangimi fertilizzanti per animali producono emissioni di protossido di azoto, un gas serra 300 volte più potente dell’anidride carbonica. Quando gli animali mangiano questo mangime e producono letame, genera emissioni di metano, che sono 80 volte più potenti dell’anidride carbonica.

letame.iStock

L’atto di arare prati e foreste per coltivare mangimi per animali rilascia anche carbonio dal suolo nell’atmosfera. Al contrario, le proteine ​​alternative producono meno gas serra e richiedono meno terra. In String Bio, abbiamo sviluppato un ingrediente proteico di alta qualità derivato dal metano con alti livelli di aminoacidi essenziali per soddisfare la crescente domanda proteica rivolta ai settori dei mangimi e degli alimenti. È un ottimo sostituto delle proteine ​​marine e di origine animale e l’uso di questo può liberare l’uso del suolo per la coltivazione aggiuntiva raccolti per affrontare la sicurezza alimentare.

Riducendo Azoto apporti di fertilizzanti

L’agricoltura rappresenta quasi l’80% delle emissioni totali di protossido di azoto, generate principalmente dall’applicazione di fertilizzanti azotati sintetici e letame aggiunto al suolo o lasciato sui pascoli. La riduzione della dipendenza da questi fertilizzanti sintetici è un’importante area di preoccupazione e oggetto di dibattito per gli esperti di tutto il mondo. Le startup Ag-biotech stanno lavorando a soluzioni per sostituire questi fertilizzanti sintetici con bioprodotti sostenibili che non solo aiuteranno a ridurre le emissioni, ma sosterranno anche la produttività degli agricoltori. String è la prima azienda al mondo ad aver sviluppato un biostimolante a base microbica chiamato CleanRise e un biostimolante a base di peptidi chiamato Impakt che sono biostimolanti naturali derivati ​​dal metano, privi di sostanze chimiche. I biostimolanti derivati ​​dal metano hanno molteplici effetti sulla crescita delle piante, tra cui una migliore crescita vegetativa e fioritura, un migliore sviluppo delle radici, una migliore salute del suolo, tolleranza allo stress e maggiore resa. Rispondono alla crescente necessità di prodotti agricoli sostenibili, aumento della produttività per acro e riduzione delle emissioni di gas a effetto serra dall’agricoltura.

Coltivare il riso con meno metano

La conservazione e il mantenimento dei suoli delle zone umide è essenziale per soddisfare e sostenere la produzione alimentare per le generazioni future, nonché per preservare gli habitat per le specie vegetali e selvatiche in via di estinzione. In Asia, le zone umide sono state utilizzate in modo intensivo per la produzione alimentare per migliaia di anni e il riso è la coltura cerealicola dominante. È la coltura alimentare delle zone umide più importante del mondo e la pressione per coltivare più riso sta accelerando ogni anno. È l’unico grande raccolto di grano che viene coltivato quasi esclusivamente come cibo. In 30 anni, la terra potrebbe ospitare 10 miliardi di persone e il numero che si prevede saranno consumatori di riso (i discendenti degli odierni consumatori di riso) potrebbe essere uguale al totale di oggi abitanti della terra e nutrirli richiederanno un massiccio aumento della produzione mondiale di riso.

Più del 90% del riso mondiale che occupa 140 milioni di ettari viene prodotto in Asia, il che significa anche che il continente è responsabile delle emissioni di metano su larga scala dalla produzione agricola. La produzione di riso contribuisce a circa il 10-13% per cento delle emissioni annue di metano e la sua produzione totale di gas serra la mette alla pari con l’aviazione internazionale. A String, uno dei nostri prodotti, CleanRise ha dimostrato un aumento della resa fino al 40% rispetto alle recenti prove sul campo su una varietà di colture. Nel riso ci sono risultati ancora più marcati e significativi: CleanRise non solo dimostra un aumento della resa in granella del 33% nelle colture trattate, ma una riduzione delle emissioni di metano e protossido di azoto rispettivamente fino al 60% e al 40% rispetto alle colture non trattate. I biostimolanti a base di metano forniscono una soluzione commerciale pronta per aumentare la resa delle colture, un migliore ROI per gli agricoltori e allo stesso tempo avvantaggiare l’ambiente.

È ora di guardare al carbonio, non come il nostro nemico ma il nostro alleato in quanto l’agricoltura può fornire più opzioni per ridurre il impronta ecologica rispetto a settori come i trasporti, le industrie e le infrastrutture. Abbiamo bisogno di implementare e supportare più soluzioni ag-biotech che non solo siano sostenibili ma possano anche aiutare drasticamente nella lotta ai cambiamenti climatici.

(Lo scrittore è co-fondatore e CEO, String Bio)



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

it_ITItaliano