Vai al contenuto

Il presidente Marcos può rilanciare l’agricoltura PHL?


L’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura pubblica un rapporto annuale chiamato Stato della sicurezza alimentare e della nutrizione nel mondo. L’aggiunta più recente del 2021 ha riportato che la prevalenza globale dell’insicurezza alimentare moderata e grave è in lento aumento. La notizia allarmante, secondo la FAO, è che l’aumento nel 2020 è stato pari ai cinque anni precedenti tutti sommati. Prima della pandemia, la stima delle Nazioni Unite per il numero di persone che soffrivano di grave insicurezza alimentare era di 135 milioni. Oggi, quel numero è salito a 276 milioni.

Mentre il mondo si trova ad affrontare prezzi alimentari alle stelle, i paesi poveri e in via di sviluppo soffrono di più. L’International Food Policy Research Institute, un’organizzazione senza scopo di lucro che si concentra su porre fine alla fame e alla povertà, ha affermato che il sollievo a lungo termine dall’aumento dei prezzi dei generi alimentari può essere possibile solo con un aumento della produzione agricola.

Il presidente Ferdinand R. Marcos Jr., in qualità di capo dell’agricoltura concorrente, è sulla buona strada quando ha emesso il suo primo ordine di marcia al Dipartimento dell’Agricoltura per garantire l’approvvigionamento alimentare del paese per il resto dell’anno, in particolare per riso, mais e persino carne di maiale e carne di pollo. “Dobbiamo occuparci dell’imminente crisi alimentare che sembra ci visiterà nei prossimi due trimestri. Quando guardiamo in giro per il mondo, tutti si stanno preparando per questo”, ha detto Marcos a funzionari agricoli di alto rango durante una riunione del comitato esecutivo martedì presso il Bureau of Soils and Water Management (Leggi, “Marcos come capo dell’agricoltura: approvvigionamento alimentare, prezzi prima priorità”, nel Specchio d’affari, 5 luglio 2022).

Marcos ha aggiunto: “Siamo già in una posizione svantaggiata in termini di approvvigionamento alimentare. Dovremmo davvero prestare molta attenzione a ciò che possiamo fare. Penso che la conclusione a cui siamo giunti qui sia che dobbiamo aumentare la produzione”.

Il presidente ha ricordato ai funzionari dell’agricoltura che oltre a garantire una fornitura alimentare sufficiente è garantire che siano accessibili ai consumatori filippini. “Dobbiamo pensare molto duramente per assicurarci che le persone abbiano lo stesso cibo a sufficienza. E il numero uno, a un prezzo che possono permettersi. Perché, ancora una volta, è inutile avere cibo se non te lo puoi permettere”.

Ecco un modo per migliorare rapidamente la produzione e abbassare i prezzi dei prodotti agricoli: fornire ai piccoli agricoltori sementi, fertilizzanti, credito e altre risorse migliori di cui hanno bisogno. Non c’è momento migliore per il DA per portare servizi di estensione e consulenza e altre innovazioni ai nostri agricoltori.

Per contribuire a rafforzare il programma di sufficienza alimentare del governo a lungo termine, un funzionario del Dipartimento dell’istruzione nell’antichità sta cercando il sostegno del presidente Marcos per rafforzare la scuola agricola nella provincia e in altre parti del paese, poiché queste scuole agricole fungono da buona formazione motivi per la nuova razza di agricoltori filippini.

Il Sovrintendente DepEd-Antique Felisa Beriong, nell’estendere le sue congratulazioni al Presidente, si è detta euforica nel sapere che la sufficienza alimentare è una priorità della nuova amministrazione. “Con il vicepresidente Sara Duterte-Carpio come nostro segretario DepEd e il presidente Marcos a capo del procuratore distrettuale, potremmo davvero aspettarci un maggiore sostegno alle nostre scuole agricole”, ha affermato Beriong.

Antique ha una scuola agricola a Barangay Aningalan, San Remigio, ma è in programma l’apertura di scuole agricole anche in altri comuni. Agli studenti, per lo più figli di agricoltori dei barangays montani, viene insegnato come coltivare riso e altre colture, così come l’imprenditorialità per insegnare loro come commercializzare i loro prodotti.

L’Autorità di statistica filippina ha affermato che il 23% dei lavoratori del paese sono attivi nel settore agricolo. Gli impiegati nell’agricoltura comprendevano 7,46 milioni di maschi e 2,24 milioni di femmine nel 2019. Sfortunatamente, la maggior parte degli agricoltori filippini non vuole l’agricoltura per i propri figli, secondo un studia pubblicato nel Giornale filippino della scienza. Tra i contadini intervistati, il 73 per cento di loro credeva che i propri figli non avrebbero avuto un futuro se fossero diventati coltivatori di riso come loro. Gli agricoltori hanno comunemente sottolineato come la coltivazione del riso sia “fisicamente stancante e non economicamente gratificante”.

Gli esperti hanno affermato che le politiche e i programmi del governo deboli, l’eccessiva dipendenza del paese dalle importazioni agricole e la corruzione diffusa hanno avuto un impatto sul settore agricolo.

Durante l’amministrazione del defunto presidente Ferdinand E. Marcos, le Filippine hanno raggiunto l’autosufficienza di riso nel 1975-1976 e il paese ha esportato riso nei vicini paesi asiatici nel 1977-1978 quando gli agricoltori nell’ambito del programma Masagana 99 hanno prodotto un surplus di circa 89.000 toni metrici.

Il presidente può duplicare ciò che ha fatto suo padre?





Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

it_ITItaliano