Vai al contenuto

il ministro dell’Agricoltura Marc Fesneau in gran parte in testa nel suo collegio elettorale

il ministro dell'Agricoltura Marc Fesneau in gran parte in testa nel suo collegio elettorale


Non sorprende che il candidato investito dalla maggioranza presidenziale nel primo collegio elettorale di Loir-et-Cher, Marc Fesneau, sia uscito in testa al primo turno di queste elezioni con un comodo vantaggio.

In queste elezioni, ha anche giocato la sua posizione nel governo. Ministro dell’agricoltura neoeletto, Marc Fesneau conferma la scelta del Primo Ministro nella sua roccaforte di Loir-et-Cher. Ed è una scommessa vinta in questo primo turno: il candidato di maggioranza è uscito in testa alla prima circoscrizione con il 31,97% dei voti, davanti ai candidati. Ha quindi rinuncia al candidato del NUPES, Reda Belkadi. Un risultato non sorprendente se si sa che Marc Fesneau aveva ottenuto il 34,59% dei voti al primo turno nel 2017, poi il 69,15% al ​​secondo.

Sono orgoglioso di questo punteggio. Chi non si è fatto vivo, chi non ha votato per me, devo ancora convincerlo.

Marc Fesneau, candidato Insieme nella prima circoscrizione di Loir-et-Cher

Inoltre, i risultati delle elezioni presidenziali in questo collegio, dove il Presidente della Repubblica è risultato primo con il 59,5% dei voti al secondo turno, hanno lasciato poco spazio a una svolta da parte del Raduno Nazionale, rappresentato da Michel Hunter .

Originario di Parigi, fu nel Loir-et-Cher che Marc Fesneau iniziò la sua carriera politica. Nel 1995 è stato eletto sindaco di Marchenoir, un paese di 700 abitanti. Una posizione che ha ricoperto per quasi 10 anni prima di lasciare il posto alla sua prima assistente, Sylvie Gagnier.

Eletto deputato del primo collegio elettorale di Loir-et-Cher nel 2017, Marc Fesneau lo ha lasciato nel 2018, dopo la sua nomina al Ministero dei Rapporti con il Parlamento, lasciando il posto a Stéphane Baudu.

Presidente del gruppo MoDem in Assemblea all’inizio del primo mandato di Emmanuel Macron, leader dei centristi nel consiglio regionale Centro-Val de Loire, Marc Fesneau si è affermato come il miglior rappresentante del MoDem all’interno della maggioranza presidenziale. in posa come rurale, e scusami, cacciatoreavrà saputo stare a suo agio in campagna come nei corridoi di un ministero.

Da quasi un anno Marc Fesneau è anche consigliere regionale del Centre-Val de Loire. Buon conoscitore delle questioni agricole, tema cardine della regione, ha rappresentato un candidato ideale per la maggioranza alle elezioni regionali, forse anche una delle poche speranze di macronie.

Tuttavia, la sua ottima conoscenza del territorio e le sue radici locali non sono bastate: è riuscito a salire al quarto posto in queste elezioni solo con il 16% dei voti, dietro al rieletto presidente del PS François Bonneau (24,81%), il RN rappresentata da Aleksandar Nikolic (22,24%, candidato anche nella seconda circoscrizione dell’Eure-et-Loir) e dal candidato repubblicano Nicolas Forissier (18,82%, candidato anche nella seconda circoscrizione dell’India). Queste nuove elezioni possono quindi essere sinonimo di vendetta per il ministro.





Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

it_ITItaliano