Vai al contenuto

Il Drammatico Problema a cui stiamo andando incontro: Cosa si può fare ADESSO

Il Drammatico Problema a cui stiamo andando incontro: Cosa si può fare ADESSO



Ormai il cambiamento climatico non si può più ignorare, così come l’impatto ambientale di molte attività.
Nel video di oggi vogliamo parlarvi di alcune possibili soluzioni che gli ingegneri stanno mettendo in atto per contenere il consumo di acqua nell’agricoltura.
Industria 4.0, IoT, Smart Agricolture sono solo alcuni dei paradigmi che stanno prendendo sempre più piede.

Voi cosa ne pensate?

#ingegneria

⚠️Vuoi migliorare le tue skills per il mondo del lavoro? 📊
Ecco il miglior programma secondo noi: www.ingegneriaitalia.it

Ti serve una mano a sviluppare il tuo progetto? Scrivici a ingegneriaitalia3@gmail.com

Sai che parliamo anche di investimenti e finanza personale? Seguici su @Ingegneri in borsa

In molti ci avete chiesto cosa usiamo per registrare i video e come abbiamo allestito il nostro set.
Ecco la nostra attrezzatura! Buon divertimento!

Stabilizzatore ottico: https://amzn.to/3igXwwN
Microfono da tavolo: https://amzn.to/3BTVDO7
Fotocamera: https://amzn.to/3l9ocRS
Luce principale: https://amzn.to/3zLtA1w
Luci secondarie: https://amzn.to/3iYooAK
Lavagna: https://amzn.to/2VkAHza
LED: https://amzn.to/3x7akK1

AFFILIATE DISCLAIMER
Questo canale aderisce al programma di affiliazione Amazon. Cliccando sui link Amazon che vi propongo fate shopping normalmente e ottengo anche io delle commissioni.

source

17 commenti su “Il Drammatico Problema a cui stiamo andando incontro: Cosa si può fare ADESSO”

  1. Ma voi vi sentite cosa parlate . Con robot ci saranno àncora più persone disafamate perdendo lavorò. Coltivazione idroponica tutti sappiamo che da solo da aqua senza chemia non cresce non vedo differenza dalla pesticidi.

  2. Bravi ragazzi, contenuto di super spessore!! Siamo sulla soglia di una nuova rivoluzione ed informare la gente di ció credo sia una delle cose migliori. Questi video fanno solo che bene!! Chiari, coincisi ed esaustivi. Bravi bravi bravi

  3. Complimenti x il video, ma da imprenditore agricolo con un azienda da oltre 70 ettari vi dico che nn e facile poter investire in questo tipo di tecnologie seppur il mio sistema di irrigazione e completamente automatico con un investimento non di poco se vuoi avere qualcosa che funziona veramente bene infatti ho un sistema nella mia azienda montato nel lontano 2005 progettato e venduto da un azienda israeliana.

  4. Come sempre ottima divulgazione .. ma il problema fame mondiale e un cane che si morde la coda come trovare poche parole per semplificare , il cibo ci sarebbe anche per i paesi cosiddetti poveri se non se lo vendessero per acquisire tecnologia pretendiamo che paesi non pronti facciano il grande balzo in avanti , come gli anni 70 della Cina dove per rincorrere l'occidente si dovettero mangiare letteralmente i figli , servirebbe un'agricoltura autarchica per non affamare i paesi sottosviluppati 😉

  5. ok, negli anni settanta ci furono presentati i primi robot per la produzione automobilistica e chi lo fece diceva le vostre stesse parole, risultato migliaia di operai sostituiti dai robot, oggi quello che faceva il contadino lo dovrebbe fare il drone…capisco che voi ingegneri portate l'acqua al vostro mulino ma l'uomo?

  6. Le prime serre verticali risalgono agli anni fine 80 inizio 90 come evoluzione dei primi magazzini verticali. Sfruttati per fragole, e piccoli ortaggi hanno il grande pregio di un ridotto consumo d'acqua e clima controllato, vasche di terra mista leca che durante i movimenti andava a bagno in acqua arricchita di tutto il necessario. Per contro c'era un grosso problema di costi e manutenzione e soprattutto di luminosità. Per quanto riguarda le culture idroponiche in Olanda, maggior esportatore di pomodori e diversi tipi di ortaggi, le culture idroponiche la fanno da padrone in capannoni già dai primi anni 2000.

  7. La soluzione è la deindustrializzazione e l'eliminazione dell' 80% della popolazione mondiale.

    Rimangono comunque alcuni altri problemi gravissimi, ad esempio l'eredità post atomica ingestibile.

    Quindi i pochi rimasti dovrebbero accontentarsi della loro esistenza senza considerare quella delle future altre generazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

it_ITItaliano