Vai al contenuto

il cambiamento climatico nelle Alpi può essere visto dallo spazio


Secondo i ricercatori svizzeri, la vegetazione sulle cime delle Alpi è aumentata in quasi l’80% delle aree osservate al di sopra dei 1700 metri di altitudine. Pubblicano uno studio sulla rivista Science.

Nel massiccio del Monte Bianco, nell'agosto 2012.
Nel massiccio del Monte Bianco, nell’agosto 2012. © Maxppp / Jean-Marc Lallemand

I paesaggi montani cambiano ed eccone la prova, se il nostro occhio non bastasse. Uno studio delle università di Losanna e Basilea, pubblicato giovedì sulla rivista Sciencerivela la diffusione della vegetazione nelle Alpi grazie alle immagini satellitari scattate tra il 1984 e il 2021, un intervallo di 38 anni. La catena montuosa diventa verde e il manto nevoso si allenta. Il motivo: l’aumento delle temperature a causa del cambiamento climatico. “La scala del cambiamento si rivela assolutamente enorme nelle Alpi”, afferma la ricercatrice Sabine Rumpf. Soprattutto perché le zone di montagna sono molto sensibili ai cambiamenti climatici: si stanno riscaldando circa il doppio della media globale.

Vertici più verdi

I ricercatori hanno analizzato tutte le regioni alpine sopra i 1.700 metri di altitudine, non per studiare le aree adibite all’agricoltura, escludendo ghiacciai e foreste. In montagna si mette in moto un circolo vizioso: “Le montagne più verdi riflettono meno luce solare e quindi portano a un ulteriore riscaldamento e, a sua volta, a un ulteriore restringimento del manto nevoso”, afferma Sabine Rumpf, professoressa all’Università di Basilea e autrice dello studio.

Chiaramente la neve riflette circa il 90% della radiazione solare, la vegetazione assorbe molto di più, per poi rimandarla indietro sotto forma di calore. Che a sua volta accelera il riscaldamento, e quindi lo scioglimento delle nevi e l’aumento della vegetazione. Con il loro studio, i ricercatori concludono che, su quasi il 10% della superficie osservata, non c’era più neve nell’estate del 2021, mentre era presente all’inizio delle riprese nel 1984.

  • Una mappa di SwissTopo mostra l’evoluzione delle Alpi tra il 1984 e il 2021: Clicca qui

Specie vegetali concorrenti

L’altra conclusione edificante dello studio è il ritiro della neve a beneficio della vegetazione. Le montagne stanno diventando verdi e le immagini satellitari lo dimostrano. La vegetazione è progredita nel 77% dell’area osservata. Si arriva a questa cifra grazie all’analisi delle lunghezze d’onda che permette di rilevare la quantità di clorofilla presente.

La vegetazione sta progressivamente colonizzando le vette alpine e questo non va bene per tutte le piante che le abitano. “La biodiversità unica delle Alpi è quindi sottoposta a una forte pressione”, afferma la professoressa Sabine Rumpf. Le piante da quote più basse potrebbero migrare e crescere più in alto sulla montagna, minacciando le piante alpine più fragili. “Le piante alpine sono adattate a condizioni difficili, ma non sono molto competitive”aggiunge Sabine Rumpf.

Le Alpi, la torre dell’acqua d’Europa

“I risultati mostrano come i paesaggi stanno cambiando a causa del cambiamento climatico”, reagisce Antoine Guisan, autore dello studio e docente di storia e geografia, intervistato dall’RTS. Questa diminuzione della neve in quota può avere conseguenze, non solo ecologiche: “Il turismo ne risentirà in molti modi. Se la vegetazione diventa verde, i pascoli o le regioni alpine vengono gradualmente invasi da cespugli, alberi, forse la foresta a lungo termine fino alla cima delle montagne, cambierà. il estetica del paesaggio e forse rendono questi paesaggi meno attraenti per i turisti che vengono dall’estero e che vorrebbero vedere la neve eterna, i ghiacciai e chi vedrà la foresta.”

Ancora più concretamente, il riscaldamento globale porta allo scioglimento dei ghiacciai e allo scioglimento del permafrost, che favorisce frane, smottamenti e smottamenti.

Antoine Guisan lo ricorda anche a RTS “Le montagne sono anche torri d’acqua. Potremmo avere problemi di gestione, approvvigionamento idrico e rendere il nostro Paese meno attraente”. Gran parte dell’acqua potabile proviene dallo scioglimento della neve, sottolinea lo studio. Se l’acqua non viene immagazzinata come neve, scompare più velocemente attraverso i fiumi.

if (!document.querySelector('#facebookPixel')) { var noscript = document.createElement('noscript'); var img = document.createElement('img') noscript.setAttribute("id", "facebookPixel"); img.setAttribute("height", "1"); img.setAttribute("width", "1"); img.setAttribute("src", "https://facebook.com/tr?id=250310205420402&ev=PageView&noscript=1"); noscript.appendChild(img); document.head.appendChild(noscript); }



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

it_ITItaliano