Vai al contenuto

I migliori chef di New York City commentano l’imminente divieto di foie gras

I migliori chef di New York City commentano l'imminente divieto


Mercoledì è passato il Consiglio comunale di New York legislazione vietare la vendita del foie gras in città, mossa che interesserà circa 1.000 ristoranti che hanno la prelibatezza nel loro menu, così come le fattorie che li forniscono.

La legge è stata approvata a causa delle preoccupazioni sulla crudeltà verso gli animali per il trattamento di oche e anatre i cui fegati ingrassati diventano foie gras. Il modo tradizionale di fare il foie gras o il fegato ingrassato è il gavage, l’alimentazione forzata di anatre o oche. Carlina Rivera, una consigliera di Manhattan che ha sponsorizzato la legislazione sul foie gras, ha detto a New York Times che il suo conto”affronta il processo più disumano” nell’industria alimentare. Ha definito l’alimentazione forzata “una delle pratiche più violente”.

Ariane Daguin, CEO e fondatrice del fornitore di foie gras D’Artagnan, dice che non è corretto. Come molti agricoltori e altri del settore, sostiene che la pratica non è, in effetti, crudele.

US-LIFESTYLE-ANIMAL-FOOD
Centinaia di anatre vengono allevate presso la Hudson Valley Duck Farm a Ferndale, New York. Per più di tre decenni, il proprietario Izzy Yanay ha lottato per ottenere l’accettazione del foie gras statunitense, invitando chef scettici e consumatori curiosi nella sua fattoria di Catskills per offrire un contrappunto agli attivisti per i diritti degli animali che cercano di vietare la controversa prelibatezza.

DON EMMERT/AFPGetty Images

“La premessa di questa legislazione secondo cui il processo è disumano non è supportata da fatti o ricerche: NON UN membro del Consiglio ha fatto alcuno sforzo per conoscere questo processo e tutti si sono rifiutati di visitare le fattorie per comprendere il processo in prima persona”, Daguin , le cui vendite annuali di foie gras agli chef di New York ammontano a 15 milioni di dollari (circa il 10% del business), ha dichiarato in una nota Cittadina di campagna.

“Un divieto di foie gras di New York City costerà a più di 400 lavoratori immigrati il ​​loro lavoro e la fortuna nel sogno americano”, ha detto Daguin. “Se il trattamento umano è davvero il problema qui, dovremmo esaminare le pratiche degli allevamenti intensivi prima di chiudere le piccole fattorie”.

PER ANDARE CON AFP: USA-Francia-Gastronomia F
Lo chef Daniel Boulud mostra “The Original db Burger”, che contiene costine brasate e foie gras.

STAN HONDA/AFPGetty Images

John Winterman, co-proprietario di Bastardo a Tribeca, chi è l’anno prossimo aprendo una brasserie chiamata Francie a Williamsburgdice che il dibattito sul foie gras è “una battaglia continua perché è un prodotto frainteso”.

“Molte delle armi usate dai gruppi anti-foie gras sono video obsoleti, e non è così che si fanno le cose, specialmente in molte fattorie in questo paese”, ha detto Winterman. “Se le fattorie trattassero davvero male i loro animali, non sarebbero in affari perché è importante che gli chef siano etici”.

Il cuculoLo chef e partner Daniel Rose è d’accordo. “Adoro il foie gras“, ha detto Rose Termini e condizioni. “Allo stesso tempo, credo che il suo utilizzo richieda una certa comprensione di dove viene, come è fatto e che ci dovrebbe essere assolutamente una qualità minima coinvolta nella sua produzione, come dovrebbe esserci per tutti gli alimenti. Il libero mercato cercherà inevitabilmente di produrre tutto per meno e che si tratti di vitamine o di anatre, qualcosa ne risentirà se lasciato alla pressione del mercato per produrre cibo meno costoso”.

TOPSHOT-US-POLITICA-DIRITTI DEGLI ANIMALI
Attivisti per i diritti degli animali tengono una manifestazione a sostegno di un disegno di legge per vietare la vendita di foie gras il 18 giugno 2019 presso il municipio di New York a New York.

ANGELA WEISS/AFPGetty Images

“Possiamo dire che nutrire le persone con sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio, coloranti alimentari, quantità eccessive di sale, pesticidi o altri additivi causa meno sofferenza della produzione di foie gras?”, ha chiesto retoricamente. “E la produzione di polli e altri animali a basso costo? Non lo so, ma non credo che abbiamo posto tutte le domande significative e considerato opinioni sufficienti per iniziare a vietare i singoli prodotti alimentari senza principi e processi fondamentali che guidano il nostro decisioni”.

Rose ha detto che “se vietare il foie gras a New York genera una conversazione sullo stato del cibo in America e sul trattamento degli animali in generale, allora sono favorevole”. Dovrà cambiare parte del suo menu a Le Coucou quando il divieto entrerà in vigore, ma ha aggiunto che “c’è sicuramente abbastanza profondità nel repertorio francese per cucinare senza di essa”.

US-POLITICA-DIRITTI DEGLI ANIMALI
Il 18 giugno 2019, al New York City Hall di New York, gli agricoltori partecipano a un’audizione del comitato sanitario del Consiglio della città di New York per protestare contro un disegno di legge per vietare la vendita di foie gras.

ANGELA WEISS/AFPGetty Images

Altri capi erano più espliciti nella loro opposizione.

“Questa è idiocrazia” Momofuku lo chef David Chang ha twittato. “Stupido miope e un malinteso della situazione.”

Questo contenuto è importato da Twitter. Potresti essere in grado di trovare lo stesso contenuto in un altro formato o potresti essere in grado di trovare ulteriori informazioni sul loro sito web.

Ken Oringer, chef vincitore del James Beard Award e comproprietario di Toro a Manhattan, ha definito il divieto “ridicolo”. Oringer ha detto al Associated Press che era stato nelle fattorie nello stato di New York che producono foie gras “e operano con la massima integrità per i loro animali da fattoria”.

“La scelta del cibo è tutto e la bellezza del nostro Paese è che possiamo scegliere di mangiare quello che vogliamo”, ha aggiunto Oringer.

Altre città e stati hanno approvato e abrogato una legislazione simile. Nel 2006 Chicago è diventata la prima città americana ad aver approvato il divieto di foie gras. Due anni dopo, il sindaco della città, Richard M. Daley, la definì la legge “più stupida” che la città avesse mai approvato e ha condotto con successo uno sforzo per annullare il divieto.

La California ha vietato il foie gras nel 2012. It è stato ribaltato nel 2015 ma una corte d’appello federale reintegrato it nel 2017. Lo scorso gennaio, la Corte Suprema ha rifiutato di ascoltare una sfidaconsentendo l’entrata in vigore del divieto.

US-LIFESTYLE-ANIMAL-FOOD
Un dipendente dà da mangiare a un’anatra all’Hudson Valley Duck Farm il 15 dicembre 2017.

DON EMMERT/AFPGetty Images

Forse le turbolenze legislative sono un segno di ciò che accadrà a New York. Winterman, per esempio, non è convinto che il divieto avrà effetto. “Può succedere molto in tre anni”, ha detto. Ha in programma di includere il foie gras nel menu del suo nuovo ristorante.

Questo contenuto viene creato e mantenuto da una terza parte e importato in questa pagina per aiutare gli utenti a fornire i propri indirizzi e-mail. Potresti essere in grado di trovare maggiori informazioni su questo e contenuti simili su piano.io



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

it_ITItaliano