Vai al contenuto

I grandi spazi aperti lasciano il posto ai grandi spazi interni

I grandi spazi aperti lasciano il posto ai grandi spazi interni


Quando fai acquisti da Walmart, Whole Foods e Target, probabilmente presumi che le verdure che acquisti vengano coltivate in vaste fattorie che si estendono nei grandi spazi aperti, che raggiungono l’interno solo quando colpiscono camion o treni e scaffali dei negozi.

La realtà, tuttavia, è che grandi quantità di verdure vengono coltivate anche all’interno.

La CEA, o agricoltura ambientale controllata, sta prendendo piede e sta diventando maggiorenne con l’aumento della popolarità della coltivazione indoor. Un recente accordo potrebbe essere l’ultimo segnale che l’agricoltura indoor potrebbe avere un grande futuro utilizzando il controllo del clima piuttosto che il cambiamento climatico.

Local Bounti, una società di agricoltura indoor con tecnologia proprietaria, ha recentemente raggiunto un accordo per acquisire Hollandia Produce Group, un’altra azienda di agricoltura indoor che opera sotto il nome di Pete’s, per 122,5 milioni di dollari. È un grosso problema per molte ragioni al di là dei dollari: unisce tradizione e tecnologia e distribuzione con ricerca e sviluppo. In un colpo solo, l’accordo creerà una delle più grandi società CEA della nazione e darà un nuovo volto all’agricoltura high-tech ad alto rendimento.

In poche parole, la transazione consentirà a Local Bounti “di avere accesso alla base di clienti al dettaglio di Pete di oltre 10.000 punti vendita al dettaglio a livello nazionale”, secondo l’azienda. Ciò include giganti della vendita al dettaglio come Walmart, Whole Foods, Albertsons, Kroger, AmazonFresh, Target e molti altri.

E Pete’s sfrutterà la tecnologia di Local Bounti, che potrebbe ridurre i costi, aumentare la resa e aumentare l’efficienza.

È anche un esempio di come la scienza sia in prima linea nell’agricoltura, nei finanziamenti e nelle transazioni, aumentando potenzialmente i margini e rimuovendo i punti interrogativi che si applicano al clima.

In una recente intervista dopo aver annunciato l’accordo, il co-CEO di Local Bounti Craig Hurlbert (ex General Electric) ha fornito alcune informazioni su ciò che Local Bounti spera di fare. Ha detto che l’azienda prevede di installare la sua “tecnologia stack and flow”, un ibrido di agricoltura verticale e coltivazione idroponica in serra, in tutte le strutture di Pete. Questa applicazione delle pratiche commerciali ha lo scopo di aumentare l’efficienza, posizionando Local Bounti come fresco, veloce e finanziariamente attraente con margini elevati.

L’agricoltura verticale produce rendimenti elevati insieme a spese in conto capitale elevate e spese operative elevate rispetto alle serre tradizionali. Unendo la serra con la verticale, combinando essenzialmente il meglio di entrambi i mondi, Local Bounti spera di ridurre alcuni costi elevati e massimizzare i profitti e le rese. Molte forze sono all’opera, trasformando potenzialmente la CEA in una forza più grande nell’agricoltura.

L’agricoltura è stata a lungo dipendente dal tempo e dai capricci di pioggia, sole, neve e tempeste. Il CEA di Bounti locale, d’altra parte, opera 365 giorni all’anno, è privo di pesticidi ed erbicidi e utilizza il 90% in meno di terra e il 90% in meno di acqua rispetto ai tradizionali metodi di coltivazione all’aperto, afferma l’azienda. È esattamente il tipo di cosa che, almeno in teoria, potrebbe rallegrare le orecchie degli investitori, anche se il tempo dirà se questa forma di tecnologia trionferà e trasformerà lo spazio agricolo.

L’aumento della tecnologia geograficamente può richiedere molto tempo, ma Hurlbert ha affermato che questo accordo porterà i sistemi di Local Bounti all’impronta da costa a costa di Pete in 35 stati e in Canada. Sfrutteranno la loro tecnologia in tre strutture di Pete in California e Georgia.

I numeri sono promettenti per questo matrimonio, che potrebbe aumentare ulteriormente i margini. Pete ha registrato un fatturato di 22,7 milioni di dollari nel 2021, con margini lordi già superiori al 45% negli ultimi cinque anni. Local Bounti prevede di risparmiare il 10% sul costo delle merci grazie ai “vantaggi legati alla catena di approvvigionamento associati a una maggiore scala di acquisto”. La società combinata darà lavoro a 250 persone, di cui 130 di Pete’s.

Hurlbert ha affermato che Local Bounti sta cercando di posizionarsi come un datore di lavoro preferito, pur mantenendo elevati standard ambientali, sociali e di governance (ESG). Ha affermato che la sua azienda offre vantaggi completi a tutti i dipendenti allo stesso livello dei dirigenti, il che consente loro di superare l’ostacolo delle assunzioni e attrarre lavoratori.

“Con una consolidata fondazione di distribuzione nazionale in atto con Pete’s, siamo entusiasti di portare i nostri prodotti freschi, sani e locali ai consumatori in tutta l’America”, ha affermato Hurlbert in un comunicato stampa.

Tutto ciò potrebbe significare la nascita di più siti di agricoltura indoor e più cambiamenti in serbo, quasi letteralmente. CEA può espandersi praticamente ovunque, poiché la tecnologia diventa un fattore determinante, al pari della geografia, in quello che succede dopo.

Sono i grandi spazi aperti che incontrano i grandi interni.

Come ha detto Hurlbert nella mia recente intervista con lui, “Non si torna indietro!”



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

it_ITItaliano