Vai al contenuto

Gli interessi della Cina nell’agricoltura statunitense: aumentare la sicurezza alimentare attraverso investimenti all’estero

Gli interessi della Cina nell'agricoltura statunitense: aumentare la sicurezza alimentare attraverso investimenti all'estero


La Cina deve far fronte a crescenti richieste sulla sua produzione agricola che cerca di affrontare attraverso la politica, la tecnologia e le attività economiche. Nel 2021, la Cina ha importato una quantità record di mais pari a 28,35 milioni di tonnellate (mmt), il 152% in più rispetto al 2020 e oltre il 10% della stima del Ministero cinese dell’agricoltura e degli affari rurali (MARA) per il consumo totale di mais del paese (vedi Tabelle 1 e 2). 1 Il rapporto 2020 dell’Istituto per lo sviluppo rurale della China Academy of Social Sciences ha affermato che “è probabile che ci sarà una carenza di cereali di circa 130 milioni di tonnellate, inclusi circa 25 milioni di tonnellate di cereali alimentari di base” entro la fine del 2025.

La diminuzione dei seminativi, il cambiamento demografico e i disastri naturali aggravano queste tendenze e presentano sfide per la sicurezza alimentare ai leader cinesi. In risposta, la Cina ha introdotto politiche interne per promuovere la sicurezza alimentare e ridurre gli sprechi alimentari, che sono state entrambe una priorità del segretario generale del Partito Comunista Cinese (PCC) Xi Jinping da quando ha assunto il potere. Sotto il suo governo, il governo ha anche stabilito politiche per espandere i terreni agricoli domestici e sfruttare le innovazioni nelle tecnologie agricole, come le linee di semi geneticamente modificate (GM), il tutto nel tentativo di rafforzare la sicurezza alimentare.

Gli sforzi interni del governo cinese, tuttavia, non sono sufficienti per risolvere i problemi della Cina. Riconoscendo le sue sfide, la Cina si è anche recata all’estero per soddisfare le sue esigenze attraverso investimenti e acquisizioni di terreni agricoli, zootecnia, attrezzature agricole e proprietà intellettuale (PI), in particolare di sementi GM. Gli Stati Uniti sono un leader globale in tutti questi campi, il che li rende un partner commerciale privilegiato e spesso un obiettivo degli sforzi della Cina per rafforzare il settore agricolo e la sicurezza alimentare, a volte con mezzi illeciti.

Questi sforzi presentano diversi rischi per la sicurezza economica e nazionale degli Stati Uniti. Ad esempio, l’acquisizione di mandrie di suini da parte di società cinesi negli Stati Uniti può far risparmiare denaro alla Cina e migliorare la sua capacità interna; tuttavia, ciò potrebbe anche ridurre la necessità della Cina per la produzione di origine statunitense e ridistribuire gli effetti ambientali dei rifiuti di maiale alle comunità statunitensi. Se si verificano ulteriori consolidamenti e investimenti cinesi nelle attività agricole statunitensi, la Cina potrebbe avere un’indebita leva sulle catene di approvvigionamento statunitensi. L’accesso della Cina alla PI agricola statunitense potrebbe anche erodere la competitività degli Stati Uniti nella tecnologia agricola che supporta la produzione alimentare. Inoltre, le acquisizioni illecite di semi GM da parte della Cina forniscono un punto di partenza per lo sviluppo di tali semi da parte della Cina, privano le aziende statunitensi di entrate e offrono l’opportunità di scoprire vulnerabilità nelle colture statunitensi.

Questo rapporto esamina le sfide della sicurezza alimentare della Cina e come queste vulnerabilità guidano gli interessi nelle relazioni agricole USA-Cina. In particolare, valuta le motivazioni alla base degli investimenti agricoli cinesi, comprese le sfide alla produzione alimentare e gli sforzi pertinenti del PCC per ridurre la dipendenza dalle importazioni, conservare i terreni agricoli e modernizzare le tecnologie agricole. Esamina quindi le principali aree di investimento cinese negli Stati Uniti, inclusi terra, bestiame, cereali e infrastrutture pertinenti, come attrezzature e tecnologie agricole. Infine, il rapporto presenta considerazioni per i legislatori sull’ulteriore integrazione cinese nel settore agricolo statunitense.

Leggi il rapporto della US-Cina Economic and Security Review Commission



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

it_ITItaliano