Vai al contenuto

FAO e IFAD lanciano un progetto per l’agricoltura sensibile alla nutrizione

FAO e IFAD lanciano un progetto per l'agricoltura sensibile alla nutrizione


FAO e IFAD lanciano un progetto per l'agricoltura sensibile alla nutrizione

Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO) in collaborazione con il Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) e il governo della Giordania ha lanciato un nuovo progetto per identificare potenziali aree di scambio di conoscenze, dialogo politico e sviluppo di programmi per migliorare la sicurezza idrica, l’agricoltura e i risultati nutrizionali nel Regno.

Secondo una dichiarazione della FAO, il workshop iniziale, tenuto con partecipanti virtuali e fisici, ha riunito rappresentanti dei settori dell’agricoltura, dell’acqua e della nutrizione del governo, degli istituti di ricerca nazionali e delle università e delle organizzazioni senza scopo di lucro.

Il progetto, “Aumentare la produttività dell’acqua per un’agricoltura sensibile alla nutrizione e migliorare la sicurezza alimentare e la nutrizione”, è stato implementato in sei paesi pilota: Niger, Ruanda, Mozambico, Benin, Egitto e Giordania, afferma la dichiarazione.

La dichiarazione ha aggiunto che per promuovere la conoscenza e l’attuazione di pratiche idriche e agricole sostenibili che possono migliorare i mezzi di sussistenza e i risultati nutrizionali, svilupperà uno strumento per identificare metodi per migliorare le scelte delle colture, strategie di gestione dell’acqua e pratiche agricole per massimizzare la resa delle colture, la nutrizione densità delle colture raccolte e ritorno economico con apporti idrici minimi.

Il contributo dell’agricoltura

“La Giordania ha avuto buoni rapporti con la FAO e l’IFAD nel lavorare insieme per aumentare il contributo dell’agricoltura al PIL, ampliare le opportunità di lavoro e consentire alle donne e ai giovani di sviluppare piccole imprese per migliorare i loro mezzi di sussistenza”, Ali Abu Nukta, Segretario generale aggiunto per il bestiame presso il ministero dell’Agricoltura ha detto a nome del ministro dell’Agricoltura Khalid Hneifat, durante l’evento.

Nel frattempo, Nabil Assaf, Rappresentante della FAO per la Giordania ha affermato che, in qualità di custode dell’Agenzia delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura, la FAO ha un ruolo fondamentale nell’affrontare tutte le forme di malnutrizione consentendo diete sane attraverso un approccio globale ai sistemi alimentari, che riconosce che l’accesso a un’acqua adeguata è fondamentale per la produzione alimentare. La strategia della FAO facilita le azioni collettive nei settori dell’acqua, della sicurezza alimentare e della nutrizione.

“Questo progetto è tempestivo poiché è completamente in linea con la Strategia dell’IFAD e integra i progetti in corso dell’IFAD e anche l’agenda di cooperazione con la FAO”, ha affermato durante le sue osservazioni Vrej Jijyan, direttore nazionale dell’IFAD.

“La FAO sostiene colture per goccia più ricche di nutrienti attraverso approcci a valore aggiunto per l’emancipazione femminile, la produttività dell’acqua e del cibo e la generazione di reddito”, ha affermato durante il seminario Sasha Koo-Oshima, vicedirettore della Divisione Terra e Acqua della FAO.

“In tutti i paesi di attuazione, il progetto catalizzerà partnership che aiuteranno a superare le barriere all’accesso dei piccoli agricoltori sostenibili a mercati remunerativi”, ha affermato Paulo Dias, il project manager della Divisione Terra e Acqua della FAO, durante le sue osservazioni.

Dias ha aggiunto che il collegamento degli agricoltori ai programmi di appalti pubblici esistenti, come i programmi di alimentazione scolastica interna e altre iniziative del settore privato in Giordania, aiuterà a incentivare la diversificazione delle colture e la produzione di colture ad alta densità di nutrienti.

Dias ha sottolineato che esiste un “bisogno urgente” di promuovere pratiche agricole sostenibili, data la crescente sfida di garantire un accesso equo e affidabile a diete diverse e acqua sicura per tutti.

“Attualmente, il cambiamento climatico sta esacerbando il degrado del suolo, la scarsità d’acqua, le inondazioni e le piogge in modo imprevedibile, il che a sua volta mina la produttività dei piccoli agricoltori e contribuisce all’aumento dei tassi di malnutrizione”, ha aggiunto.

Dias ha aggiunto che la gestione dell’acqua sarà fondamentale per il raggiungimento degli obiettivi nutrizionali globali, dato il ruolo critico dell’acqua nella produzione, preparazione e igiene degli alimenti.



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

it_ITItaliano