Vai al contenuto

dove sono i produttori con l’avvicinarsi delle vacanze?


A pochi giorni dalle feste di fine anno, dove sono i produttori di foie gras? Vendono come gli anni precedenti? Alcune risposte con Yves Boissière, produttore di Lot-et-Garonne e fondatore del museo del foie gras. Per lui, il mercato sta andando bene nonostante l’aumento dei prezzi delle materie prime.

Boicottato da alcuni municipi verdi
, evitato da vegetariani e vegani, inaccessibile ad alcuni a causa del suo prezzo elevato… Con l’avvicinarsi dei festeggiamenti di fine anno, dov’è il foie gras francese? Yves Boissière, produttore di Lot-et-Garonne e fondatore del museo del foie gras è stato ospite di Europe 1 martedì. L’occasione per fare il punto sulla situazione del mercato per questo piatto molto apprezzato durante le feste di fine anno.

Per quanto riguarda i produttori, quest’anno il foie gras sta vendendo particolarmente bene nonostante le polemiche. “La crisi del Covid ha generato vendite per corrispondenza. La cancellazione di tutte le fiere significa che le persone le stanno facendo consegnare a casa. È molto teso. Non possiamo consegnare a tutti i clienti che ci chiamano”, ha spiegato l’ospite dall’Europa 1.

Un aumento di prezzo contenuto

A causa dell’aumento del prezzo delle materie prime agricole, molti temevano un aumento vertiginoso del prezzo del foie gras. Ma i produttori hanno contenuto l’aumento dei prezzi. Yves Boissière ha aumentato i suoi prezzi solo del 3%. Non abbastanza per dissuadere i suoi clienti abituali, che non si sono fatti scottare neanche da controversie politiche intorno al foie gras
. “Capisco che la gente della città non capisca come stia accadendo. Queste sono posizioni politiche per celebrare l’occasione”, afferma Yves Boissière.

Per questo produttore, il vero problema del mercato sta nella dittatura del prezzo da parte dei supermercati. “Finché i supermercati dettano i prezzi, strangolano gli industriali che a loro volta strangolano i produttori. E arriviamo a concentrazioni molto elevate. Questo è il nocciolo del problema”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

it_ITItaliano