Vai al contenuto

Donna “alimentata forzatamente” attraverso il tubo nella protesta del foie gras della PETA

Donna "alimentata forzatamente" attraverso il tubo nella protesta del foie gras della PETA


Oggi, il giorno di San Giorgio, un sostenitore della PETA in un abito rosso e bianco in stile bandiera inglese sedeva a un tavolo da pranzo, sotto il quale un cartello diceva “Il foie gras è barbarico, non britannico!” – ed è stata “alimentata forzatamente” la sua cena attraverso un tubo.

Questo rappresenta il modo in cui i produttori di foie gras pompano il grano nello stomaco di oche e anatre terrorizzate per ingrandire i loro fegati, un processo così un– E’ inglese illegale nel Regno Unito. Gli animali vengono radunati e hanno un tubo di metallo infilato in gola più volte al giorno, causando esofagite. Inoltre soffrono comunemente di lesioni alle ali, dermatiti e anomalie ossee a causa delle condizioni negli allevamenti di foie gras.

Perché protestiamo?

Dopo che Fortnum & Mason ha smesso di vendere foie gras a seguito di una campagna decennale PETA, il governo del Regno Unito ha annunciato che vieterà l’importazione e la vendita del vile prodotto in una mossa successiva alla Brexit – e la PETA chiede al parlamentare George Eustace di affermare esattamente quando e come verrà emanato il divieto.

Niente potrebbe essere meno patriottico in un paese noto per la sua compassione per gli animali che vendere un prodotto ottenuto dai corpi malati di uccelli maltrattati. High tea, cricket e pinte calde? Sì. Fegato grasso? Assolutamente no!

Cosa c’è che non va nel foie gras?

Per produrre il foie gras, le anatre e le oche vengono alimentate forzatamente più volte al giorno fino a quando i loro fegati si ammalano e si gonfiano fino a circa 10 volte la loro dimensione naturale. Immagina di essere costretto a mangiare 20 chilogrammi di pasta ogni giorno. Questo è l’equivalente umano dei quasi 2 chilogrammi di cibo che vengono spinti in gola a questi uccelli ogni singolo giorno.

I colloqui della PETA hanno rivelato che i lunghi tubi di alimentazione in metallo lasciano alcuni uccelli così gravemente feriti da avere buchi nel collo e becchi rotti.

Alla fine della loro breve vita, molti uccelli non sono in grado di camminare normalmente o addirittura faticano a respirare perché i loro fegati ingrossati comprimono i loro polmoni.

Fai sapere al governo che sostieni il divieto

La stragrande maggioranza dei britannici – il 79% – vuole vedere un divieto all’importazione di foie gras.

Ora che il Regno Unito ha lasciato il mercato unico dell’UE, i responsabili politici hanno l’opportunità di chiudere i nostri confini a questo commercio disumano e barbaro.

Il governo ha riconosciuto quanto sia crudele la sua produzione e nel suo Piano d’azione per il benessere degli animali del 2021 si è impegnato a “costruire una base di prove chiare per prendere decisioni sul divieto di importazione o vendita di foie gras“. Ma questo non è abbastanza buono.

Fai sapere al governo che sostieni il divieto firmando la nostra petizione:

(function(d, s, id){ var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) {return;} js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = "https://connect.facebook.net/en_US/sdk.js"; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs); }(document, 'script', 'facebook-jssdk'));



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

it_ITItaliano