Vai al contenuto

Cresce la pressione sugli chef britannici dopo che New York vieta il foie gras | benessere degli animali


I commensali di Otto sanno cosa aspettarsi. Anatra arrosto flambé nel brandy e intagliata a tavola. Bisque di astice, schiacciata. Lumache di Borgogna. E l’epitome della cucina raffinata francese, il foie gras.

Mentre il maitre d’ si dedica alla costruzione di un ordine di tartare di manzo, Otto Tepasse, il titolare, valuta se il foie gras ha un futuro in Gran Bretagna. Le autorità di New York hanno deciso di vietare la vendita a negozi e ristoranti e gli attivisti vogliono che Londra – anzi, l’intera Gran Bretagna – segua l’esempio.

“Vietarlo è una moda passeggera”, dice. “New York sta solo seguendo una moda passeggera, seguendo il flusso. Se è sollevato eticamente, allora non vedo un problema. Se sono [forcibly] alimentato su scala industriale, penso che sia sbagliato. Ma il foie gras che serviamo viene da una famiglia che si prende cura delle loro oche”.

La sua posizione non è quella con cui la maggior parte degli attivisti per il benessere degli animali è d’accordo. La preparazione del foie gras si basa generalmente sull’alimentazione forzata di anatre o oche per circa due settimane, provocando un’espansione drammatica dei loro fegati. Alcuni agricoltori sostengono l’alimentazione forzata, nota come alimentazione forzatanon è necessarioma in Francia, dove viene prodotto il 98% del foie gras consumato in Gran Bretagna, un pâté può essere chiamato foie gras solo se alimentazione forzata viene utilizzato.

Gli attivisti dicono che l’imbuto o il tubo utilizzato durante alimentazione forzata è doloroso e può essere fatale di per sé, e che gli uccelli hanno paura degli umani e trascorrono i loro ultimi giorni nella sofferenza. Tepasse, che si vanta di sapere da dove provenga ogni fetta di carne nel suo ristorante, crede che il foie gras che serve sia prodotto eticamente, dal momento che alimentazione forzata è fatto solo a mano.

“Tre anni fa avevamo 50 o 60 persone fuori dal ristorante, tre o quattro sere a settimana. È stato terribile”, dice Tepasse. “Urlando con megafoni, sirene. Ero l’unico posto a Londra che resisteva a loro”.

Si è rifiutato di rimuovere il foie gras dai suoi menu e dopo cinque mesi le proteste, organizzato da Direct Action Everywhere (DxE), si estinse. È stato premiato dal ministero degli Affari esteri francese, che l’anno scorso ha ospitato un evento per celebrare lui e altri sostenitori internazionali che hanno sostenuto il foie gras. Lentamente il piatto è tornato ad alcuni degli altri ristoranti che erano stati presi di mira, anche se pochi erano disposti a discutere pubblicamente della questione.

Dimostranti per i diritti degli animali che manifestano a New York quest'estate.
Dimostranti per i diritti degli animali che manifestano a New York quest’estate. Fotografia: Angela Weiss/AFP tramite Getty Images

Ma la ricerca di un divieto nel Regno Unito continua. Agli agricoltori britannici è vietato produrre foie gras in base alla legislazione sul benessere degli animali, ma il Regno Unito ne importa dalle 180 alle 200 tonnellate all’anno. Attivisti e politici affermano che le regole del mercato unico dell’UE significano che il Regno Unito non può vietare le importazioni, ma la Brexit cambierebbe le cose. Forse sono incoraggiati dal fatto che Carrie Symonds, partner di Boris Johnson e attivista ambientale vocale, è mecenate della Conservative Animal Welfare Foundation, che ha richiesto importazioni finirà dopo la Brexit.

Il Labour si impegna a vietare le importazioni di foie gras “alla prima opportunità disponibile”, afferma Sue Hayman, la segretaria ombra per l’ambiente. “La produzione di foie gras è una pratica eccezionalmente crudele”, dice. “L’eccessiva alimentazione forzata di questi uccelli provoca loro gravi lesioni e stress e non può essere giustificata come metodo di produzione alimentare”.

Conservatori come Henry Smith, deputato di Crawley, sono d’accordo. fabbro ha condotto un dibattito alla Camera dei Comuni sul foie gras l’anno scorso, durante il quale il ministro dell’ambiente George Eustice ha affermato che la Brexit rappresenterebbe un’opportunità per “considerare le restrizioni sulle vendite”.

“Sono molto favorevole a ciò che altre giurisdizioni hanno fatto in luoghi come New York e la California”, afferma Smith. “È una pratica molto crudele e obsoleta e penso che ci sia un’ampia maggioranza nel Regno Unito contraria”.

A luglio un sondaggio YouGov a nome del gruppo di campagna Animal Equality ha rilevato che meno di una persona su 10 aveva mangiato foie gras nell’ultimo anno e il 79% di coloro che esprimevano un’opinione ha sostenuto un divieto, con 150.000 persone che hanno firmato una petizione contro il foie gras importazioni.

Il direttore esecutivo ad interim di Animal Equality, Abigail Penny, afferma che il foie gras è “indicibilmente malvagio” e non può mai essere prodotto eticamente.

“Ogni anno milioni di anatre e oche soffrono in modi inimmaginabili per produrre questa vile ‘delicatezza’. L’alimentazione forzata non può mai essere priva di crudeltà”, afferma. “Le nostre indagini hanno dimostrato che questi animali innocenti sono spesso tenuti in gabbie sporche e lugubri, stipati insieme a molte altre anatre e oche terrorizzate. Molti soffrono di piaghe dolorose ai piedi a causa del pavimento del filo e altre lesioni spesso non vengono trattate. Il processo è così brutale che il Regno Unito ha vietato la produzione di foie gras, eppure importiamo ancora questo prodotto. Questa ipocrisia deve finire.“

Una lattina di <a href=foie gras Fortnum & Mason” src=”https://i.guim.co.uk/img/media/63c525f710b0ba4557e3d4f673c0dec3fe5bcf4e/0_243_1146_688/master/1146.jpg?width=445&quality=45&auto=format&fit=max&dpr=2&s=e398888e60f4eb08bbe225eb963dc5e8″ height=”688″ width=”1146″ loading=”lazy” class=”dcr-1989ovb”/>
Fortnum & Mason afferma che “le persone dovrebbero avere la libertà di scegliere se acquistarlo o meno”.

Anche l’uscita dall’UE potrebbe non garantire che il Regno Unito possa vietare le importazioni di foie gras, affermano alcuni esperti del commercio. Dopo la Brexit, l’UE potrebbe contestare un divieto ai sensi delle regole dell’Organizzazione mondiale del commercio e alcuni tentativi di vietare la carne per motivi di benessere degli animali sono stati respinti. David Henig, direttore del Centro europeo per l’economia politica internazionale, afferma che ci sono preoccupazioni sul fatto che un divieto non sarebbe compatibile con la legge dell’OMC, ma aggiunge che la questione non è stata completamente testata.

Data la pressione sui ristoranti da parte di attivisti come DxE, è necessario un divieto? Pochissimi ristoranti e fornitori erano disposti ad ammettere di vendere foie gras. La maggior parte dei ristoranti non ha risposto o ha affermato di essere preoccupata di attirare l’attenzione. Fortnum & Mason, che lo vende, ha affermato in una dichiarazione che esiste un “grande mercato” per il foie gras e che “le persone dovrebbero avere la libertà di scegliere se acquistarlo o meno”.

Nessuno dei principali rivenditori online che vendevano foie gras era disposto a parlare pubblicamente, anche se uno ha affermato che la lobby anti-foie gras era “intollerante”. “Le persone non hanno più libertà. Sta diventando pazzesco. Siamo come in una camicia di forza”.

Yannis Alary, amministratore delegato di Blanchette a Londra, afferma che il suo ristorante ha eliminato il foie gras dal menu dopo le proteste di tre anni fa. “E’ stato un incubo. Uno dei miei ospiti ha quasi litigato con loro. Ad essere onesto, sono preoccupato per quello che accadrà dopo. Tra qualche anno, avremo persone che diranno “smettila di vendere carne”? Penso che sia andato troppo oltre”.

Ci sono domande simili sollevate su vitello, polpo, aragosta e granchio, oltre a pollo d’allevamento. Per Tepasse, “le persone dovrebbero essere più perspicaci riguardo al cibo. Come si può comprare un pollo per £ 2? È sbagliato: il cibo dovrebbe essere più costoso”. Pensa anche che il foie gras prodotto in serie potrebbe essere vietato nel Regno Unito. «Ma non se è fatto correttamente. E non sarò vittima di bullismo”.





Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

it_ITItaliano