Vai al contenuto

Cedric Stephens | La Giamaica può emulare il successo del Ruanda in agricoltura? Sì possiamo! | Affare

Cedric Stephens |  La Giamaica può emulare il successo del Ruanda in agricoltura?  Sì possiamo!  |  Affare


“Il tempismo è tutto. Se è destinato ad accadere, accadrà, al momento giusto, per le giuste ragioni”.

Questa citazione di autore sconosciuto è appropriata per il saggio di oggi. Adesso è il momento giusto per scriverlo, dopo mesi di riflessioni. L’argomento è quello che questo giornale, venerdì scorso, ha definito i segreti del ‘successo agricolo’ del Ruanda. Implicita in queste parole è l’idea che la Giamaica possa trarre vantaggio dalle esperienze di quel paese.

All’inizio di quella settimana, il ministro dell’Agricoltura e della pesca Pearnel Charles ha dato il suo contributo al dibattito settoriale 2022-23 in Parlamento. Il Jamaica Information Service lo ha segnalato come “chiedere maggiori investimenti” nel settore dell’agricoltura e della pesca per sostenere gli sforzi del governo per aumentare la produzione alimentare locale.

“L’aumento degli investimenti del settore privato moltiplicherà gli sforzi del governo per rafforzare la sicurezza alimentare della Giamaica. La pandemia e i disordini politici tra Russia e Ucraina hanno reso ancora più urgente l’autosufficienza della Giamaica”, si legge nel rapporto.

“Il messaggio è questo: produzione rispetto all’importazione e stiamo incoraggiando i nostri investitori, poiché supportiamo l’aumento della produzione, a soddisfare le nostre esigenze locali”.

I rischi sono uno dei sottoprodotti degli investimenti.

L’amministratore delegato del Rwanda Development Board, Clare Akamanzi, in una discussione con questo giornale la scorsa settimana, ha menzionato quattro cose che il suo paese ha fatto per diventare un esportatore di prodotti agricoli in tutta l’Africa. I concetti che ha condiviso – per caso o per volontà – erano legati alla dichiarazione del ministro Charles al Parlamento e sono così riassunti:

• Un programma di intensificazione delle colture in cui gli agricoltori hanno unito le loro aziende agricole per creare aziende più grandi per garantire un uso ottimale del suolo e colture vegetali adeguate al clima e al tipo di suolo.

• La fornitura di sussidi governativi per input come piantine e semi, acquisto all’ingrosso di altri input come mangimi e fertilizzanti.

• Facilitare l’accesso al credito. Il CEO di RDB ha descritto questa strategia come la “riforma più seminale” introdotta dal governo del paese.

• La creazione di cooperative agricole.

Il punto di vista del prestatore

La spigolatrice, per qualche ragione, ha inserito alcune righe nell’articolo sui segreti del Ruanda del CEO del più grande finanziatore della Giamaica, la National Commercial Bank. Septimus Blake avrebbe detto: “Hai un furto prediale, hai rischi legati al clima. Le istituzioni devono trovare un modo per mitigare questi rischi… l’agricoltura avrà difficoltà ad accedere ai finanziamenti”. VERO. Le decisioni di prestito nelle banche vengono prese solo dopo un’attenta valutazione dei rischi.

NCB Financial Group Limited (NCBFG) è un conglomerato di servizi finanziari dei Caraibi. È la capogruppo della National Commercial Bank. Guardian Holdings Limited, (GHL) è anche uno dei figli di NCBFG. GHL possiede e gestisce compagnie di assicurazione e riassicurazione. Gli assicurati, i prestatori e gli assicuratori trasferiscono i rischi a queste entità.

L’amministratore delegato della BCN non sembra leggere questo giornale. Egli dovrebbe. Se avesse letto il pezzo che ho scritto il 6 marzo – “La soluzione assicurativa hi-tech per gli agricoltori locali mostra la promessa” – e avesse sfruttato la base di conoscenze bancarie e assicurative in NCBFG, avrebbe offerto una risposta più persuasiva al Spigolatorela richiesta di commenti nel contesto della ‘riforma più seminale’ che il governo ruandese aveva introdotto nel settore agricolo di quel paese.

Inoltre, avrebbe dovuto essere consapevole che due mesi fa l’ho scritto se il progetto pilota ha successo e si rende disponibile la copertura assicurativa, le banche e gli altri finanziatori dovrebbero avere una scusa in meno per non concedere prestiti al settore agricolo. Quella era, ed è tuttora, un’opinione informata; non è speculazione. Si basa su molti anni di studio.

Il Ruanda si trova nell’Africa orientale e si trova a est della Repubblica Democratica del Congo. Copre un’area di 26.338 chilometri quadrati o 10.169 miglia quadrate. È circa 2,5 volte più grande della Giamaica, mentre la sua popolazione di 13,2 milioni è quattro volte quella della Giamaica.

Il prodotto interno lordo del Ruanda è cresciuto tra il 2010 e il 2020 da 6,12 miliardi di dollari a 10,83 miliardi di dollari, ovvero il 76,9%. Al contrario, il PIL della Giamaica è appena passato da 13,2 a 13,8 miliardi di dollari, ovvero il 4,5%. L’agricoltura è stato uno dei principali fattori alla base della crescita del PIL del Ruanda.

Le ragioni del successo economico decennale del Ruanda sono molte. In che modo alcuni dei rischi associati alle sue iniziative agricole vengono gestiti dal suo mercato assicurativo? Prestiti e assicurazioni lavorano insieme. La struttura di NCBFG lo conferma. I funzionari di JAMPRO riconoscono che l’assenza di credito e di un efficace meccanismo di trasferimento del rischio è un ostacolo agli investimenti agricoli.

catena del valore

Il primo “porto di scalo” per le informazioni è stato il Programma alimentare mondiale. È la più grande organizzazione umanitaria del mondo. La sua missione è “salvare vite in caso di emergenza e utilizzare l’assistenza alimentare per costruire un percorso verso la pace, la stabilità e la prosperità per le persone che si stanno riprendendo da conflitti, disastri e dall’impatto del cambiamento climatico”.

Approfondimento del WFP ha fornito dettagli il 19 febbraio 2021 sul programma ruandese in un pezzo intitolato “L’assicurazione sul raccolto aumenta la sicurezza e la produttività alimentare”. L’articolo afferma che “gli effetti del cambiamento climatico stanno minacciando i mezzi di sussistenza dei piccoli agricoltori. Gli shock climatici come forti piogge, siccità, grandine e venti distruttivi hanno danneggiato i raccolti e ridotto la sicurezza alimentare”. Lo stesso si può dire delle condizioni agricole locali

Il governo ruandese, in collaborazione con alcuni assicuratori privati ​​del paese, ha promosso l’adozione di assicurazioni sui raccolti da parte dei piccoli agricoltori per mitigare gli effetti del cambiamento climatico. Il piano esiste da oltre dieci anni. Il governo paga il 40 per cento del premio e le cooperative coprono il resto. La catena del valore coperta dal regime assicurativo è il mais, il riso, i peperoncini, i fagiolini e le patate irlandesi. Ci sono piani per includere banana, semi di soia e manioca.

Un contadino ruandese avrebbe detto: “Prima di avere un’assicurazione sui raccolti, saremmo patiti la fame quando i raccolti fossero stati danneggiati. Con il compenso che ho ricevuto, ho potuto continuare a comprare cibo per la mia famiglia”. Inizialmente, la sfiducia nei confronti delle compagnie assicurative ha portato allo scetticismo nei confronti del programma da parte di molti agricoltori, ma la mobilitazione e l’educazione degli agricoltori e la garanzia che il risarcimento fosse pagato in tempo ha portato a un aumento della fiducia e a una maggiore adozione del programma.

Gli agricoltori possono aspettarsi di ricevere un compenso fino all’85% sul costo del loro investimento e sul rendimento previsto in base alla media prodotta dalle loro fattorie. Il calcolo tiene conto del costo delle sementi e degli input come i fertilizzanti oltre ai livelli storici di produttività.

In netto contrasto, quando gli agricoltori giamaicani subiscono perdite a causa di eventi meteorologici, il governo agisce come l’assicuratore di ultima istanza. Gli agricoltori non hanno accesso all’assicurazione. Le perdite per il settore, in media, sono state storicamente pari al due per cento del PIL all’anno. La stima delle perdite di raccolto dovute a eventi estremi tra il 1994 e il 2010 è stata di 12,6 miliardi di dollari.

Gli aiuti del governo agli agricoltori provengono dal Fondo Unico. Gli esborsi dal fondo tra il 2007 e il 2012, secondo i dati del Ministero delle finanze e del servizio pubblico, sono stati pari a 710 milioni di dollari. Questi fondi di solito non vengono pagati in tempo.

Progressi sull’assicurazione del raccolto

L’amministratore delegato della BCN ha ammesso che “la continua formalizzazione del settore agricolo locale e la fornitura di assicurazioni erano misure che potrebbero essere utili per promuovere lo sviluppo della Giamaica. Tuttavia, storicamente, i progressi sono stati limitati”. La seconda parte di tale affermazione, a mio avviso, è errata.

Negli ultimi 12 mesi sono stati compiuti progressi sostanziali sul fronte assicurativo. I risultati della prima fase del progetto pilota di cui al mio articolo del 6 marzo, che potrebbe essere un precursore di un regime assicurativo locale, sono stati presentati di recente al Ministero dell’agricoltura e della pesca.

È probabile che molte delle caratteristiche di progettazione del piano assicurativo del raccolto ruandese siano incluse nel piano giamaicano proposto. I potenziali partner locali e d’oltremare, provenienti da India, Svizzera e Francia, sono ora in attesa di una risposta dal ministero prima che possa iniziare la fase successiva del proof of concept gratuito, iniziato alla fine dell’anno scorso.

Per la prima volta in oltre un decennio, la maggior parte degli elementi chiave sono in atto per ridurre molti dei rischi che la comunità agricola locale deve affrontare, impedire l’accesso al credito e frenare gli investimenti, cosa che il ministro ha incoraggiato nel suo recente discorso. Un tale schema assicurativo sarebbe anche coerente con la dichiarazione del primo ministro alla sessione di sensibilizzazione del vertice del G7 in Canada nel 2018 e con la strategia recentemente raccomandata dal Gruppo della Banca mondiale per aumentare l’occupazione, la produzione, il commercio e la crescita economica della Giamaica.

“Quest’ultimo si concentra su maggiori investimenti nelle categorie di fascia alta a valore aggiunto… così come sull’agricoltura di nicchia di alcuni tipi di frutta, verdura e spezie”.

Queste misure, oltre all’accesso al credito e all’assicurazione del raccolto, favorirebbero la “riforma seminale” nel settore agricolo del paese e migliorerebbero la vita e i mezzi di sussistenza di migliaia di agricoltori.

– Cedric E. Stephens fornisce informazioni e consigli indipendenti sulla gestione dei rischi e dell’assicurazione. Per informazioni o consulenze gratuite scrivi a: aegis@flowja.com oro business@gleanerjm.com



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

it_ITItaliano