Vai al contenuto

Carenza di fluidi per scarico diesel una realtà spaventosa per la filiera, l’agricoltura | AgNews

Carenza di fluidi per scarico diesel una realtà spaventosa per la filiera, l'agricoltura |  AgNews


Essere in grado di fare il pieno di carburante è diventato un lusso con i prezzi altissimi di gas e diesel, ma una nuova ruga derivante dalla guerra in Ucraina e dalle complicazioni ferroviarie potrebbe impedire il funzionamento dei veicoli diesel, che abbiano o meno carburante . Dopo che il commercio tra la Russia e il resto del mondo è stato interrotto, le numerose industrie che fanno affidamento sull’urea si trovano in una situazione difficile.







Tankstelle Diesel

DEF è composto per il 67,5% da acqua distillata e per il 32,5% da urea ed è stato progettato per ridurre l’impatto ambientale dei veicoli diesel. Viene iniettato nel flusso di scarico e utilizzato per ridurre le emissioni di diesel e senza di esso questi veicoli non funzioneranno. (Foto d’archivio di Adobe.)




Oltre al suo utilizzo come fertilizzante, l’urea è anche un ingrediente chiave nel fluido di scarico diesel. Anche se questo suona come un problema isolato che riguarderebbe solo coloro che guidano ogni giorno su e giù per l’interstatale a diciotto ruote, la carenza di DEF potrebbe interessare molte più persone. DEF è utilizzato in tutti i veicoli diesel prodotti dal 2010, inclusi camion, trattori, autobus, camper e altri veicoli su cui il mondo fa affidamento per la produzione agricola e il trasporto di persone, cibo e altri beni.

Nel 2019, la Russia ha esportato 6,98 milioni di tonnellate di urea ed è stata l’esportatore n. 1 con un ampio margine. La Cina è un altro importante esportatore di urea e ha anche tagliato le esportazioni di questa sostanza chimica anche in altri paesi. Gli Stati Uniti hanno speso 1,2 miliardi di dollari per le importazioni di urea nel 2020, piazzandosi al terzo posto dietro a India e Brasile. DEF è composto per il 67,5% da acqua distillata e per il 32,5% da urea ed è stato progettato per ridurre l’impatto ambientale dei veicoli diesel. Viene iniettato nel flusso di scarico e utilizzato per ridurre le emissioni di diesel e senza di esso questi veicoli non funzioneranno.

La mancanza di dipendenti presso la Union Pacific Railroad ha ridotto la fornitura di DEF trasportati. Shameek Konar, CEO di Pilot Flying J, la più grande rete di centri di viaggio negli Stati Uniti, ha testimoniato in una recente riunione del Surface Board Transportation in merito alla carenza di DEF e alle implicazioni che questa catena di approvvigionamento potrebbe avere sugli Stati Uniti

“Attualmente rappresentiamo il 20% della fornitura di diesel autostradale del paese e il 30% della fornitura di DEF”, ha affermato Konar. “Il pilota sta affrontando la minaccia di una grave riduzione delle allocazioni del servizio ferroviario. Per Pilot, queste riduzioni vengono imposte dalla Union Pacific Railroad. Il 13 aprile siamo stati informati dalla Union Pacific che dovevamo ridurre le spedizioni del 26% e nelle conversazioni successive ci è stato chiesto di ridurle ulteriormente del 50% o di affrontare embarghi”.

Rispettare potrebbe mettere Pilot in una situazione finanziaria disastrosa, così come affrontare gli embarghi. Vengono catturati nel mezzo di una roccia sfortunata e di un frustrante posto duro. Tuttavia, tutte le persone che fanno affidamento sull’industria degli autotrasporti, che è l’intera popolazione, saranno colpite da questa carenza.

“Degli oltre 300 milioni di galloni di forniture DEF Pilot all’industria ogni anno, il 74% viene spostato via ferrovia”, ha spiegato. “Le restrizioni di Union Pacific impediranno a Pilot di mantenere molti mercati adeguatamente riforniti di DEF, causando probabilmente carenze che metteranno da parte i camion e ridurranno la capacità di trasporto. Un singolo vagone trasporta in media 21.500 galloni di DEF e un singolo camion generalmente assorbe 7 galloni di DEF ogni volta che si riempie. Ciò implica che un singolo vagone fornisce fondamentalmente 3.000 camion di rifornimenti. Ogni vagone ferroviario che viene perso in termini di consegna DEF ridurrà il potenziale di trasporto su camion di cinque milioni di miglia”.

Altrettanto preoccupanti saranno gli effetti della carenza sull’agricoltura. Quest’anno i produttori hanno combattuto condizioni di siccità, costi elevati del carburante e raccolto di grano bruciato, ma non essere in grado di accendere i loro trattori o camion sarebbe davvero devastante. Il cibo inizia con l’agricoltore, ma se non ci sono attrezzature funzionanti non c’è modo di raccogliere.

Per la maggior parte, il 2020 sembrava uscito da un film di fine giornata con la corsa ai negozi di alimentari che lasciava scaffali vuoti e dispense traboccanti in preparazione all’ignoto. All’epoca erano i casi di COVID e le chiusure del governo a rallentare la catena di approvvigionamento oltre a un pubblico in preda al panico. Ora, invece di limitare gli acquisti di carta igienica o salviette di carta da parte dei clienti, molte storie di vendita al dettaglio sono costrette a limitare la quantità di DEF per utente. Questa è la vera emergenza della catena di approvvigionamento perché se nessuno dei camion parte, diventerà estremamente difficile trasportare cibo, medicine e altre necessità attraverso il paese. All’epoca faceva paura, ma questa potrebbe essere la vera crisi alimentare a cui tutti hanno fatto acquisti nel 2020.





Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

it_ITItaliano