Vai al contenuto

AFRICA: L’agricoltura inghiotte 49 milioni di ettari di foresta in 18 anni

AFRICA: L'agricoltura inghiotte 49 milioni di ettari di foresta in


L’Africa è una delle regioni del mondo che ha subito la più alta deforestazione nel periodo 2000-2018. Secondo un rapporto che l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO) ha presentato il 3 maggio 2022 a Seoul (Corea del Sud), durante il quindicesimo Congresso mondiale delle foreste, il continente ha perso 49 milioni di ettari durante questo periodo. Le aree più colpite sono le foreste tropicali e pluviali, molto ambite dall’agricoltura industriale, in particolare le piantagioni di palma da olio.

L’espansione della terra coltivata (comprese le piantagioni di olio di palma) rappresenta il 50% della deforestazione globale, secondo il rapporto della FAO. Uno dei casi più evidenti di questa massiccia deforestazione dovuta alla palma da olio si sta verificando in Camerun. Nel sud di questo Paese è stato completato il progetto per il più grande palmeto dell’Africa centrale, nonostante l’opposizione delle comunità locali e delle ONG ambientaliste (organizzazioni non governative). Questo è il progetto Camvert che prevede di inghiottire fino a 50.000 ettari di foresta pluviale, l’equivalente di tre volte la capitale del Camerun, Yaoundé.

Una perdita globale di 157 milioni di ettari di foreste tropicali

Con una perdita di 157 milioni di ettari, la scomparsa delle foreste tropicali ha rappresentato oltre il 90% della deforestazione globale tra il 2000 e il 2018. Come l’Africa, questa deforestazione colpisce anche il Sud America. “Questa indagine è importante, non solo per i nuovi numeri che ci fornisce, ma anche per ciò che ci racconta sulle tendenze dell’area forestale e sui fattori trainanti della deforestazione, e per la capacità critica che ci consente di seguire l’evoluzione della situazione“, spiega Maria Helena Semedo, vicedirettore generale della FAO.

Leggi anche-CAMERUN: Camvert e il pericolo della foresta nel bacino del Congo

Lo studio condotto dalla FAO si basa sull’analisi di telerilevamento in corso di 400.000 campioni da parte di oltre 800 esperti locali provenienti da 126 paesi e territori. È stato presentato in concomitanza con l’edizione 2022 del rapporto FAO su lo stato delle foreste del mondo.

Boris Ngounou



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

it_ITItaliano