Vai al contenuto

A Day Away: porta la famiglia al Padiglione John Deere per salire sui trattori e imparare la storia

A Day Away: porta la famiglia al Padiglione John Deere


MOLINE, Ill. — Quando il terreno inizia a risvegliarsi dal suo torpore invernale, è tempo che gli agricoltori salgano sui loro trattori per trainare aratri, seminatrici, irroratrici e altri strumenti del loro commercio da fattoria a mercato.

Questa statua di cervo che salta, replicando il logo secolare di John Deere, accoglie i visitatori del Padiglione John Deere a Moline, Illinois (Diana Nollen/The Gazette) (fotografato il 19 marzo 2022)

Ma ogni giorno è il tempo migliore per arrampicare su attrezzature gigantesche e grandi come un giardino, ospitato nel padiglione John Deere, 1400 River Dr. Ancora il John Deere Commons nel cuore del centro storico di Moline, Illinois. È aperto dal lunedì al sabato e l’ingresso è gratuito.

Se vai

Che cosa: Padiglione John Deere

In cui si: 1400 Fiume Dr., Moline, Ill.

Ore: lunedì dalle 13:00 alle 17:00; dal martedì al sabato dalle 9:00 alle 17:00; chiuso la domenica e le principali festività

Ammissione: Libero

Dettagli: Sito web del Padiglione John Deere

Arrivarci: 85,6 miglia a sud e ad est di Cedar Rapids e 60,5 miglia a est di Iowa City tramite l’Interstate 80

Più di 1,5 milioni di visitatori sono accorsi al sito dalla sua apertura nel 1997, provenienti da più di 50 paesi e tutti i 50 stati. Ourquadcities.com la definisce “una delle attrazioni turistiche più famose della zona e una delle prime cinque destinazioni turistiche dell’Illinois”.

Il complesso Commons si trova vicino al sito della prima fabbrica dell’inventore John Deere progettata per produrre i suoi rivoluzionari aratri rompizolle. Ha usato l’acqua del vicino fiume Mississippi per generare energia per questa fabbrica, costruita nel 1848.

Di fronte al centro sportivo e di intrattenimento TaxSlayer, il Commons si trova a circa 6 miglia dalla sede mondiale di Deere, dove mia zia ha lavorato come segretaria più di 50 anni fa. È anche lì che io e i miei fratelli abbiamo creato molti ricordi d’infanzia felici arrampicandoci su un’attrezzatura che sembrava grande come una casa e costava più di qualsiasi dimora in cui ho vissuto.

Quindi, quando mio fratello più giovane ha detto che voleva andare a Davenport il 19 marzo, ho detto OK, basta che possiamo passare il pomeriggio a dare un’occhiata al John Deere Pavilion dall’altra parte del fiume.

Questa massiccia struttura di 14.000 piedi quadrati è dotata di svettanti finestre dal pavimento al soffitto che inondano la stanza di luce solare, per vedere meglio l’attrezzatura vintage e all’avanguardia. Dall’altra parte della brezza c’è quello che viene pubblicizzato come il più grande negozio al dettaglio di abbigliamento, giocattoli, merchandising e cimeli a marchio John Deere, tutti vestiti con i familiari colori e loghi verde e giallo.

Jerry Pronschinske, 71 anni, di Caledonia, Minnesota, era seduto su una panchina nella brezza, aspettando che sua moglie finisse di fare la spesa. Nato in una fattoria vicino a Caledonia, a circa 52,5 miglia a nord-est di Decorah, ha detto di essere stato lontano da casa da quando aveva 19 anni. Ma ha ancora trattori John Deere vintage a due cilindri, conosciuti come Johnny Poppers per il suono pop-pop.

“Ho avuto due trattori da quando ero un ragazzo”, ha detto.

Lui e sua moglie erano nelle Quad Cities per la conferenza annuale Gathering of the Green, che si dice sia stata “la più grande riunione di appassionati di John Deere”, tenutasi dal 16 al 19 marzo a Davenport. Un viaggio attraverso il fiume era d’obbligo per la coppia.

“È bellissimo”, ha detto del Padiglione. “Adoriamo venire qui ogni anno. Mia moglie adora il negozio di abbigliamento e i giocattoli.

Nel Padiglione

Abbiamo parcheggiato dietro l’edificio ed siamo entrati attraverso la brezza, ma assicurati di fare il giro della piazza in mattoni, fiancheggiata da pennoni con il nome John Deere. Ospita anche un grande trattore e una statua di cervo che salta, replicando un logo creato più di un secolo fa. Secondo l’azienda sito di storia in linea, rappresenta “il logo aziendale più lungo utilizzato ininterrottamente di qualsiasi azienda Fortune 500”.

Passa attraverso una delle due porte ed entrerai in un paese delle meraviglie che cattura l’immaginazione di tutte le età. Abbiamo visto giovani famiglie con bambini in passeggino, bambini, studenti in età universitaria, nonni con le loro generazioni al seguito e alcune persone anziane che controllavano l’attrezzatura dei tempi passati e scattavano foto vicino ai giocattoli più nuovi e più grandi.

Se entri dalla brezza, davanti e al centro c’è un tosaerba da guida, che ricorda ai proprietari di casa cosa faranno presto, se mai si scalda abbastanza da far crescere l’erba. Sulla destra c’è un enorme schermo video piegato con paesaggi in continua evoluzione. Sulla sinistra c’è un’enorme mietitrebbia semovente del 1949 con pale in legno per la trebbiatura del grano.

Altre attrezzature vanno da un trattore del 1918 con una carrozzeria verde brillante, ruote gialle e schiocchi di rosso, a un trattore a quattro cingoli 8RX con pneumatici che sembrano appartenere a un carro armato. Molte attrezzature gialle per il movimento terra si mescolano anche ai suoi parenti verdi, molti dei quali hanno gradini su cui i visitatori possono salire per avere una vista a volo d’uccello del padiglione e un’idea dei moderni gadget elettronici all’interno dei taxi.

Il fulcro è uno spruzzatore a due piani con bracci che sembrano estendersi per tutta la lunghezza dell’edificio. Dietro ci sono chioschi e pannelli che spiegano l’importanza del controllo dei parassiti, oltre a un chiosco con un pad attivato a pedale che cambia uno schermo video pieno di informazioni combinando l’istruzione con il divertimento di saltare sui pad.

Un teatro pedonale con schermi attivabili tramite tocco racconta la storia dalla fattoria al mercato, e molti altri pannelli tattili vicino a attrezzature specifiche raccontano la storia di Deere & Co.

I membri dello staff mascherati sono pronti a pulire le superfici interattive in questo parco giochi per secoli.

Arrivarci

Il complesso John Deere Commons si trova a circa 85,6 miglia a sud e ad est di Cedar Rapids e a 60,5 miglia a est di Iowa City attraverso l’Interstate 80. Saprai di essere nel posto giusto quando vedrai la gigantesca statua del cervo che salta di fronte a River Drive. Svolta sulla 15th Street per parcheggiare dietro l’edificio o in un lotto molto più grande direttamente dall’altra parte della 15th Street.

Se ti viene l’appetito dopo tutto quel lavoro sul campo al chiuso, ballando per attivare i cuscinetti del pavimento e salendo tutte quelle scale dell’attrezzatura, Johnny’s Italian Steakhouse si trova appena oltre il negozio al dettaglio e molti altri ristoranti e birrifici sono raggiungibili a piedi.

Finché eravamo così vicini, abbiamo deciso di andare al quartier generale John Deere, sperando di esplorare quella che ricordo come un’enorme vetrina centrale di gigantesche attrezzature da campo. Purtroppo, l’area espositiva è aperta solo durante l’orario lavorativo dal lunedì al venerdì.

Arare attraverso la storia

John Deere, nato nel 1804 a Rutland, in Virginia, aveva solo 4 anni quando suo padre si perse in mare. Cresciuto da sua madre, divenne un fabbro pluripremiato, e quando l’economia del New England crollò nel 1836, si diresse a ovest verso l’Illinois, dove fondò una bottega di fabbro a Grand Detour (Dixon), Illinois.

Un innovatore, sentendo dai suoi clienti che il terreno della prateria si attaccava agli aratri di ghisa, rallentando il lavoro nei campi quando i contadini dovevano fermarsi e raschiare via la terra ogni pochi metri. Ciò ha acceso un’idea che avrebbe rivoluzionato il settore. Utilizzando una lama di sega d’acciaio rotta per modellare un aratro autopulente altamente lucidato, l’invenzione di Deere fu un successo immediato durante la sua corsa di prova del 1837.

Con l’aumento della domanda, nel 1848 trasferì la sua base operativa a 70 miglia a sud-ovest a Moline. Il fiume Mississippi non solo avrebbe fornito energia idrica per la sua fabbrica, ma anche il traffico fluviale per portare materie prime e trasportare i suoi aratri agli acquirenti. Gli affari andavano a gonfie vele e presto realizzava 1.000 aratri all’anno. Nel 1868, l’azienda è stata costituita come Deere & Co.

Deere assunse un ruolo attivo anche negli affari civici e nel 1873 divenne il secondo sindaco di Moline. Morì nel 1886 e i suoi eredi assunsero ruoli di leadership per il secolo successivo.

Per saperne di più, vai a deere.com/en/la-nostra-azienda/storia/john-deere.

Altre attrazioni

Più divertimento agro attende in altre direzioni per altre avventure A Day Away.

Le tre strutture principali sono il Padiglione John Deere a Moline; il Museo del trattore e del motore John Deere a Waterloo; e il Sito storico John Deere a Grand Detour (Dixon), Illinois. Prima della pandemia, i tour delle fabbriche erano offerti a Waterloo, Des Moines, Ottumwa e Horicon, Wis., ma quelli sono stati sospesi.

Moline, Ill.: Padiglione John Deere, Deere Family Homes, Deere & Co. World Headquarters.

Waterloo: Museo del trattore e del motore John Deere, 500 Westfield Ave., aperto dalle 9:00 alle 17:00 dal martedì al sabato. Con macchine, manufatti e reperti.

Dixon, Ill.: The Historic Site, aperto da aprile a ottobre, ospita dimostrazioni di fabbri in una replica della fucina originale di John Deere. I visitatori possono anche sostare nel punto in cui ha forgiato il primo aratro d’acciaio autopulente; ascoltalo mentre descrive come ha costruito la sua attività; e visita la casa originale della famiglia John Deere per ripercorrere la vita dei pionieri.

Commenti: (319) 368-8508; diana.nollen@thegazette.com

Questa vista dalla pala gommata 644 mostra la lunghezza di un solo braccio sul gigantesco spruzzatore a due piani al centro del padiglione. (Diana Nollen/La Gazzetta)

I visitatori salgono le scale per controllare le viste e la cabina della pala gommata 644 all’interno del padiglione John Deere il 19 marzo. (Diana Nollen/The Gazette)

I visitatori del Padiglione John Deere a Moline, Illinois, il 19 marzo, hanno letto la storia dei trattori John Deere, incluso questo trattore: acquistato da Emil Obitz di Stockton, Minnesota, nel 1918. Lo scambiò con un modello D in 1928, e due anni dopo, fu venduto per parti. È stato trovato intatto nel 1962 e Deere lo ha acquisito nel 2003. (Diana Nollen/The Gazette)

Questo trattore a quattro cingoli 8RX all’interno del John Deere Pavilion sfoggia pneumatici che sembrano appartenere a un carro armato. (Diana Nollen/La Gazzetta)

Le immagini di paesaggi mutevoli scorrono lungo questi pannelli video lungo la parete di fondo del Padiglione John Deere a Moline, Illinois (Diana Nollen/The Gazette)

Il marchio e i colori John Deere attraversano vestiti, giocattoli, oggetti da collezione, merchandising e souvenir nel John Deere Store, oltre il Brewway dal John Deere Pavilion nel centro storico di Moline, Illinois (Diana Nollen/The Gazette)

Gadget high-tech si trovano accanto al sedile del conducente nella cabina dell’enorme spruzzatore John Deere, in vista al centro del padiglione John Deere. Un display interattivo sul pavimento dietro l’irroratrice mostra come Deere & Co. stia sviluppando una tecnologia per identificare tutte le piante in un campo e indirizzare l’erbicida solo sulle erbacce. (Diana Nollen/La Gazzetta)

La vista dall’irroratrice al centro del padiglione John Deere mostra alcune delle attrezzature di movimento terra in mostra, illuminate dalla luce del sole che filtra attraverso le finestre dal pavimento al soffitto il 19 marzo. (Diana Nollen/The Gazette)





Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

it_ITItaliano