Vai al contenuto

?€€€-Quanto costa aprire un'azienda agricola? – Come fare e cosa serve , La mia esperienza????EP. 6

?€€€-Quanto costa aprire un'azienda agricola? - Come fare e cosa serve , La mia esperienza????EP. 6



In questo video, che continua la serie di video precedenti su come aprire un’azienda agricola,(la trovate nella playlist) vi parlo dei costi da sostenere per aprire un’azienda agricola, della documentazione necessaria e di come muoversi ! Come sempre vi chiedo , se vi piace quello che faccio, di darmi una mano iscrivendovi al canale.
A presto

Music by vensound.com

source

21 commenti su “?€€€-Quanto costa aprire un'azienda agricola? – Come fare e cosa serve , La mia esperienza????EP. 6”

  1. Grazie per queste informazioni utilissime, mi sono subito iscritto al canale!
    Io vorrei avviare un’attività specializzata in Microgreens e non capisco la parte dell’ASL, cioè siccome si coltivano tranquillamente magari in una soffitta pulita, nel momento che io registri questa attività potrei essere sottoposto ad una visita da parte loro?
    Ma soprattutto potrebbe essere quella la sede finale effettiva della mia azienda?

  2. E come hai gestito i costi fissi tipo luce e acqua? Hai fatto fare un pozzo freatico? Hai messo il fotovoltaico? Per la certificazione biologica come hai fatto? C'è un video dove ne parli? Scusa le troppe domande e grazie. ??

  3. Ciao, credo che ci sono scappate diverse imprecisioni. Per esempio quando dici che le rate per le P.IVA iscritte nel commercio, sono 3. Sono 4 da 960 attualmente. L'anno inizia a maggio e finisce a febbraio dell'anno dopo, quindi la quarta rata è a febbraio. Poi anche quando dici che per essere "Coltivatore Diretto" c'è bisogno di titoli di studio, credo sia una affermazione errata. Il titolo di studio è necessario per avere la qualifica di "Imprenditore Agricolo Professionale", IAP. Per essere semplice "Coltivatore Diretto" basta dimostrare di lavorare la terra un tot di giorni l'anno, e pagare i contributi INPS Agricoli (che sono più bassi del commercio, mi pare circa la metà ma non vorrei sbagliarmi), ed essere iscritti al codice Ateco 01, e ovviamente avere un terreno in affitto o di proprietà dove dimostrare di lavorare personalmente come agricoltore, con una certa % rispetto ad eventuali collaboratori o dipendenti, e un certo numero di giorni l'anno, ma non c'è bisogno di nessun titolo di studio. La sola qualifica di Coltivatore Diretto da delle agevolazioni, soprattutto burocratiche, perchè permette per esempio di installare serre, pergole, costruzioni varie, stalle, deposito, casa agricola, necessarie per l'attività (questo però non esclude che debbano essere comunque segnalate al Comune, ma il Comune in teoria non si può opporre). Naturalmente se si fanno più attività, o si è contemporaneamente dipendente, le cose si complicano con le regole di come e quali contributi bisogna pagare, inoltre è chiaro che un dipendente difficilmente può essere "coltivatore diretto", perchè gli mancherebbe il requisito oggettivo del tempo dedicato all'attività agricola. Resta il dubbio se si può avere la qualifica di "coltivatore diretto" con l'azienda agricola aperta in regime di esenzione e quindi senza pagare l'INPS, questo non è chiaro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

it_ITItaliano